Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “Incidenti, tutelate i lavoratori in bici”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

17

giu

2012

Il presidente dell’associazione “Stra Bici” scrive al sindaco Mario Collini

Una lettera inviata al sindaco di Stra, Mario Collini, perché si adoperi, per quanto nei suoi poteri, affinché gli incidenti di quanti si recano al lavoro in bici siano equiparati a quelli di chi usa altri mezzi di trasporto.

A firmarla è stato il presidente della «Stra Bici», Mario Ferraresso. L’associazione, che promuove a Stra l’uso della bicicletta per una mobilità sostenibile, vorrebbe sensibilizzare il consiglio su una campagna che come associazione stanno promuovendo a livello nazionale assieme alla FIAB e a Salvaiciclisti sull’infortunio «in itinere». «In Italia- scrive Ferraresso- coloro che decidono di utilizzare la bici per recarsi al lavoro devono confrontarsi con una legislazione che non solo non incentiva, ma addirittura penalizza chi utilizza questo mezzo di trasporto. Mentre nel resto d’Europa l’uso della bicicletta come mezzo per recarsi al lavoro è sistematicamente incentivato e promosso, in Italia il lavoratore che decide di spostarsi senza inquinare e senza creare traffico, non solo non riceve alcun incentivo, ma deve farlo a proprio rischio e pericolo.

In caso di sinistro durante il percorso casa-lavoro effettuato in bicicletta, l’INAIL riconosce al lavoratore lo status di infortunio in itinere »purché avvenga su piste ciclabili o su strade protette. In caso contrario, quando ci si immette in strade aperte al traffico bisognerà verificare se l’utilizzo era davvero necessario”, equiparando di fatto la bicicletta ai comuni mezzi privati (auto e ciclomotori) piuttosto che al pedone o al mezzo pubblico”.

Per questo Ferraresso ha chiesto a Collini di far votare nel prossimo consiglio comunale un ordine del giorno dedicato proprio a questo tema.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui