Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

FIESSO D’ARTICO – Zaramella: incontro sgradito

Molto probabilmente a qualcuno non va troppo a genio l’incontro organizzato per venerdì 22 giugno, alle 20.45 nella sala dell’ex Cinema parrocchiale di Fiesso d’Artico, dal Movimento Cittadino di Fiesso «Promotori per la sicurezza idraulica».

Volantini e manifesti affissi dal promotori sembrerebbero oggetto di una insolita campagna di “oscuramento” se si dimostrerà fondata l’accusa del loro portavoce Adriano Zaramella, che denuncia come ignoti continuino a staccare i volantini per promuovere l’incontro e sollecitare la partecipazione dei cittadini.            «Manifesti doverosamente timbrati e pagati per la pubblica affissione – denuncia Zaramella – ma che devono far saltare la mosca al naso a qualcuno che forse vede Fiesso immune dagli allagamenti».          Il tema sarà: «Dissesto idrogeologico “un diluvio” di parole!».

Ed il programma della serata ruoterà su due ben precise domande: «Dai gravi avvenimenti di maggio 2008 ad oggi, cosa è stato fatto per la prevenzione? È possibile considerare l’emergenza una regola ed una condizione di vita?».          Per il Movimento, infatti, sono necessari degli interventi urgenti, specie in alcune zone del paese; magari partendo proprio con il montaggio ed il funzionamento di alcune idrovore, da attivare non appena la caduta delle acque meteoriche diventa incessante. Secondo il movimento a Fiesso si attende l’emergenza prima d’intervenire, in un territorio che considerato troppo edificato. Dal canto suo il sindaco Andrea Martellato ha già sollecitato anche il Consorzio ad accelerare i tempi dei lavori.

(G.D. C)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui