Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MONTEBELLUNA «Basta con il commissario»

L’appello di Elvio Gatto di Viabilità sostenibile

«Pedemontana, ci pensi l’Anas»: Elvio Gatto, referente dei Comitati per una viabilità sostenibile della Provincia di Treviso, non ha dubbi. Il Commissario straordinario per la realizzazione della Pedemontana veneta Vernizzi va mandato in “pensione”, come tutti gli altri commissari.

«L’iter per la pedemontana -denuncia Gatto- deve essere preso in mano dall’Anas, ma questo accadrà solo in assenza di commissario; e

l’Anas per prima cosa dovrà cominciare a valutare il progetto senza considerarlo una risposta ad un’emergenza viaria, come è stato fatto finora; l’iter della Pedemontana deve seguire quindi il regolare percorso di qualsiasi altro intervento. Di emergenze, infatti, non ce n’è proprio nessuna».

Ma Gatto evidenzia pure un altro aspetto:

«L’Anas dovrà fare chiarezza su troppi aspetti non chiari: in particolare, la questione relativa alla convenzione fra appaltatore e Regione, che non è mai stata resa nota».

E, in questo momento di passaggio, si inserisce il rinvio a data da destinarsi, da parte del Consiglio di Stato, della sentenza sui ricorsi sul tema, avvenuto martedì. Il Consiglio di stato, dopo aver momentaneamente sospeso gli effetti della sentenza del Tar del Lazio, doveva cioè esprimersi sul merito. Ma bisognerà attendere.

«Il rinvio lascia una porta aperta -conclude Gatto- e quindi per noi è un mezzo successo; inoltre abbiamo ancora una carta importante da giocare: si tratta di un altro ricorso al Tar del Lazio di un altro gruppo di espropriandi, gestito non dallo studio Garofalo ma dallo studio Ibba».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui