Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Elettrodotto anche a Spinea, ma nessuno lo sa

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

18

ago

2012

AMBIENTE – La nuova infrastruttura di Terna passerà anche nel Miranese. Movimento 5 Stelle all’attacco

Elettrodotto anche a Spinea, ma nessuno lo sa

Sono quasi un centinaio gli espropri in arrivo a Spinea e Mirano da parte di Terna

Coinvolgerà anche i territori di Mirano e Spinea la realizzazione del nuovo elettrodotto Terna. Particolarmente interessata tutta l’area a sud di Spinea, nelle frazioni di Fornase e Crea, dove i proprietari coinvolti dagli espropri saranno circa un centinaio. Spinea, infatti, sarà attraversata per collegare la stazione di Malcontenta con la nuova sottostazione di Mirano. Non è prevista da parte di Terna la comunicazione personale agli interessati, proprietari dei fondi da asservire o espropriare, essendo il numero dei destinatari della procedura superiore a 50. «È significativo che Terna abbia scelto proprio questo periodo, quando la gente è in ferie o ha tutt’altro per la mente che andare a consultare gli avvisi del comune, per dare la comunicazione degli espropri – commenta Massimo De Pieri del Movimento 5 Stelle -. Fra l’altro non vi è una riga tra le news, nè un avviso a mezzo stampa, per cui la maggior parte dei cittadini ignora cosa comporterà questo progetto. Nel sito del Comune di Spinea non è consultabile alcun documento, nè una relazione o una planimetria. Chiediamo più informazione e trasparenza». Sono oltre 300 le proprietà, fra Miranese e Riviera, interessate ai lavori di realizzazione dell’elettrodotto che partiranno entro fine anno, nonostante le critiche già ricevute da cittadini, comitati e Comuni, che chiedono una revisione dei progetti. Per i prossimi mesi si attendono novità anche per il tracciato Scorzè-Volpago, che coinvolgerà anche Martellago. Nel solo Miranese, saranno circa un centinaio gli interessati fra Mirano (10) e Spinea (72). Il progetto complessivo prevede un nuovo tracciato lungo 33 chilometri, con la dismissione di 100 chilometri di vecchie linee. In pratica, un terzo dell’elettrodotto sarà nel comprensorio. Ora si dovranno attendere trenta giorni, decorrenti dalla data di pubblicazione dell’avviso dello scorso 8 agosto, per prendere visione del progetto e presentare eventuali osservazioni.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui