Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Zero Branco, La discarica finisce in Parlamento

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

ago

2012

ZERO BRANCO – Bufera sui tre capannoni che l’azienda non ha ancora provveduto a demolire. Rubinato (Pd) porta all’attenzione del ministro dell’ambiente il progetto della ditta Mestrinaro.

Avrà un’eco in Parlamento la spinosa vicenda del progetto della ditta Mestrinaro che intende realizzare nell’area agricola in via Bertoneria a Sant’Alberto di Zero Branco un impianto di trattamento per rifiuti speciali di derivazione industriale. Il deputato Simonetta Rubinato (Pd) ha predisposto un’interrogazione che depositerà alla Camera alla ripresa dei lavori dopo la pausa feriale. Rubinato si è rivolta al ministro dell’ambiente Corrado Clini. «In accordo con il sindaco Mirco Feston e con il circolo zerotino del Pd – dice Rubinato – abbiamo deciso di sottoporre la delicata vicenda al ministro Clini. Riteniamo che sia dovere del Governo vigilare perchè su tutto il territorio nazionale siano pienamente rispettate le prerogative dei comuni in materia urbanistica e le prescrizioni dei Piani regolatori generali, soprattutto quando è in gioco, come a Zero Branco, la salute dei cittadini e l’integrità dell’ambiente». Nell’interrogozione al ministro Clini, Rubinato chiede di sapere “quali misure intenda adottare per garantire che la ditta Mestrinaro provveda a sua cura e spese alla demolizione delle opere autorizzate dalla Regione (tre capannoni, ndr) e poi annullate dal Consiglio di Stato”. Al Consiglio di Stato erano ricorsi il Comune e il Comitato “Zero Rifiuti”. Lo stop al progetto è l’ordinanza di abbattere i capannoni era stata la conseguenza della sentenza della 5 sezione del Consiglio di Stato del 12 luglio 2011, ma depositata e pubblicata solo il 28 dicembre dello scorso anno.

Il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittima la delibera della Giunta regionale (26 gennaio 2010) sul benestare alla discarica Mestrinaro. È già la seconda volta che l’amministrazione comunale ricorre al Consiglio di Stato contro l’impianto di trattamento dei rifiuti speciali della Mestrinaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui