Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Caldo in quota, ghiacciai veneti a rischio

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

ago

2012

L’allarme del Centro valanghe di Arabba. Sopra i 3300 metri in questi 20 giorni la temperatura media è stata di 10 gradi

Marmolada raggiunto picco di 13,5 gradi

BELLUNO – Il caldo di queste settimane resta ancora decisamente sopra la media stagionale, come precisa il Centro Valanghe di Arabba. Fino a ieri a una altitudine di 1500 metri, c’erano 8-9 gradi centigradi in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ad Arabba, ad esempio, ieri si sono registrati 26 gradi e in Marmolada (3300 metri) 13.5 gradi nelle ore più calde. Scarto che diminuisce scendendo a valle. Ieri la colonnina di mercurio a Belluno ha segnato i 32 gradi, mentre a Feltre i 34 grandi (temperatura massima). E se quelli che stiamo vivendo, dicono da Arabba, sono i giorni più caldi di tutto agosto, si dovrà attendere metà settimana per vedere un po’ di pioggia che porterà un po’ di refrigerio. Anzi, già oggi in quota si potranno avere le prime precipitazioni che diventeranno più probabili domani. Ma in questa canicola, l’unico dato positivo è il valore dell’ozono che nella settimana scorsa non ha superato i limiti fissati per legge.

BELLUNO – Le temperature eccessivamente elevate di questa estate stanno portando ad una rapida fusione della neve sui ghiacciai con conseguente riduzione degli stessi sulle Dolomiti. Sono questi gli effetti preoccupanti del caldo africano che da oltre un mese sta attanagliando la provincia montana con temperature mai registrate prima soprattutto in quota. Infatti, se nelle valli è abbastanza normale che la colonnina di mercurio in queste settimana abbia toccato i 32-34 gradi, non lo è altrettanto oltre i 3300 metri, come nel caso della Marmolada dove, in questi primi 20 giorni di agosto, la temperatura media non è mai scesa sotto lo zero. Anzi si è stabilizzata su +10 gradi centigradi. Insomma, preoccupa il futuro delle riserve nivali, soprattutto dopo un inverno totalmente privo di neve come quello appena concluso. L’allarme viene direttamente dal Centro valanghe di Arabba dell’Arpa Veneto. Come si legge nel bollettino bimensile che viene redatto dall’Arpav, «il manto nevoso è assente sulla montagna veneta. Sulle Dolomiti e Prealpi la temperatura media del periodo 15 giugno-15 agosto 2012 è stata la terza più elevata (riferimento 1993-2002), inferiore soltanto alle estati 2003 e 1994», si legge. A questo si aggiungono le scarse precipitazioni che hanno ovunque aggravato il deficit pluviometrico: per l’intero territorio veneto è passato dai -212 millimetri di fine luglio agli attuali -254 mm pari a un -27% di precipitazione. Insomma, l’acqua inizia a scarseggiare anche in montagna e quelle piccole riserve idriche rappresentate dai ghiacciai si stanno letteralmente sciogliendo sotto il sole. Anche per quanto riguarda i serbatoi idrici le cose non vanno meglio, anche il fenomeno si osserva a macchia di leopardo. Infatti, se a fine periodo il volume complessivo del Piave risulta di 124 millimetri cubi, oltre il 70% del volume massimo invasabile cioè in buona salute così come il lago di Santa Croce e il lago di Pieve di Cadore, lo stesso non si può dire per il Mis che è sceso al 35% del volume invasabile. Volume in ulteriore calo anche se più contenuto a fine periodo, sul serbatoio del Corlo con valori al 15 agosto, ben sotto la media (-41%), solo al 44% del volume invasabile, secondo valore più basso dopo il 2003. La stessa portata media del Piave è ovunque sotto la media. Resta molto al di sotto della media, quella del Sonna di Feltre (-53% il 15 agosto).   Paola Dall’Anese

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui