Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

COMUNICATO STAMPA

Sulla questione dei rifiuti Mira Fuori del Comune ha le idee chiare: Mira può e deve fare come Ponte nelle Alpi, dove con l’introduzione del “porta a porta” in tutto il territorio, una forte sensibilizzazione dei cittadini e l’avvio di progetti concreti sul fronte della riduzione dei rifiuti, si è arrivati a superare la soglia del 90% di differenziata (primi in Europa), riducendo considerevolmente i costi per la collettività e aumentando pure i posti di lavoro nel settore.

Questi sono gli obiettivi che dovrebbe darsi la nuova amministrazione, così come del resto prevede il programma elettorale del Movimento 5 Stelle.

Optare per il sistema a calotta come suggeriscono i vertici di Veritas e il PD sarebbe invece un errore imperdonabile, perché in realtà questo metodo di raccolta è finalizzato solamente ad ottenere una frazione secca migliore da bruciare poi nei cosiddetti termovalorizzatori, ovvero gli inceneritori di nuova generazione, magari gestiti dalla stessa società Veritas Spa.

Per Mira Fuori del Comune, la recente polemica sollevata dal PD e dal consigliere Bonetto appare dunque pretestuosa, visto che negli ultimi 5 anni di amministrazione di centro-sinistra il raggiungimento degli obiettivi di legge relativi alle percentuali di differenziata è stato sistematicamente mancato.

D’altra parte, l’incremento di raccolta differenziata dovuto all’introduzione dei cassonetti a calotta è tutto da verificare, perchè nulla si dice sull’aumento degli abbandoni incontrollati di rifiuti nel territorio, e sull’aumento delle frazioni estranee nelle campane di carta e VPL.

Nulla si dice inoltre sui costi elevati delle calotte: 1200 euro per l’installazione di ciascun cassonetto e almeno 400 euro per la loro manutenzione annua.

In ogni caso, con il sistema a calotta, come dimostrano le realtà nelle quali è stato introdotto per esteso, quando va bene non si va molto oltre al 65% di differenziata, l’obiettivo minimo di legge.

Ma politiche ambientali serie in materia di rifiuti dovrebbero porsi come traguardo il superamento della soglia dell’80% di differenziata e la riduzione dei rifiuti prodotti, e questo è possibile solo con sistemi di raccolta spinti come il “porta a porta”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui