Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Cava di Luneo, bonifica al via

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

1

set

2012

SPINEA I residenti da anni chiedevano che la discarica venisse ripulita

L’assessore Busatta: «Intervento atteso, partirà in autunno»

DISCARICA  – Al via la bonifica della cava di Luneo nel territorio di Spinea ai confini con Mirano

C’è il via libera per l’attesa bonifica della cava di Luneo. Il progetto è stato illustrato dal Comune di Spinea, dopo la comunicazione ufficiale ricevuta nei giorni scorsi dalla Regione. L’intervento era in cantiere da anni e sarà gestito dai tecnici Veritas. La cava di Luneo, situata nel territorio di Spinea in un’area molto vicina al confine con Mirano, è un ex discarica di rifiuti solidi urbani che negli anni ha infiammato più volte il dibattito politico coinvolgendo anche centinaia di cittadini, preoccupati per i possibili danni alla salute causati dalla discarica. A Spinea, infatti, la questione è nota da tempo e nell’ultimo decennio sono stati colpiti da tumore alcuni cittadini che da ragazzi andavano a giocare proprio in quella cava. Gli studi epidemiologici non hanno mai evidenziato una correlazione certa tra quelle morti e la presenza della discarica, ma i residenti continuano ad alimentare sospetti e timori. Attualmente la zona è in uno stato di preoccupante degrado e da anni i residenti di Luneo chiedono a gran voce la bonifica della cava. Finalmente saranno accontentati. Il piano di caratterizzazione ambientale prevede la messa in sicurezza del sito: la prima fase del progetto avrà un costo di circa 500mila euro, a carico della Regione. Poi sono in programma la bonifica e la riqualificazione ambientale dell’area, dove i cittadini chiedono che sia realizzata un’oasi naturale. In Comune c’è grande soddisfazione: «Questo progetto si somma alla positiva risoluzione della questione della discarica di Via Prati, dove il Tar ci ha dato ragione sostenendo che la discarica non può in alcun modo essere riaperta» si legge nella nota diffusa dall’Amministrazione. Secondo l’assessore alle Politiche Ambientali, Stefania Busatta, «si tratta di un intervento molto atteso, che finalmente risolverà una questione che sta molto a cuore a tutti i cittadini». Ora Comune e Veritas si incontreranno per stabilire i tempi d’intervento. Il sindaco Checchin assicura che saranno rapidi e apriranno in autunno.

Gabriele Pipia

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui