Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DISCARICA MESTRINARO – Il governatore spiega perché oggi non ci sarà alla Sagra del Peperone

BATTAGLIA degli attivisti di Pd e del Comitato “Rifuti Zero” contro l’impianto della ditta Mestrinaro

«Non trovo corretto, ma puro espediente demagogico, far credere ai cittadini che un amministratore, in questo caso il presidente della Regione, abbia il potere di dare un assenso o di negare un’autorizzazione». E’ un passo della lettera indirizzata al Pd di Zero Branco dal presidente Luca Zaia sulla spinosa vicenda della discarica per rifiuti speciali della Mestrinaro. Gli attivisti del Pd e il Comitato “Rifiuti Zero” contro l’impianto di trattamento per rifiuti speciali hanno indetto per oggi una mobilitazione in occasione dell’apertura della 45. Sagra del Peperone. L’aspettativa era quella che il presidente della Regione Zaia prendesse dai microfoni della kermesse agro-folcloristica zerotina ufficialmente le distanze dal discusso progetto dell’impianto di trattamento di rifiuti speciali. Invece Zaia ha scelto di spiegare la sua posizione sul progetto della Mestrinaro con un’articolata lettera di cui oggi verrà data lettura integrale. Ultimamente Zaia era stato punzecchiato dal Pd per non aver accettato di partecipare al dibattito pubblico di villa Guidini sulla vicenda Mestrinaro. «Egregi signori – scrive Zaia – ho già avuto modo di ricordarvi che la mia partecipazione ad incontri promossi da partiti e comitati che abbia come oggetto procedimenti ancora a livello istruttorio sarebbe sempre comunque fuori luogo. Mi sembra inutile spiegare la ragioni di una prassi istituzionale che deve rimanere sempre rispettosa nei confronti delle strutture che stanno lavorando e che ha il dovere di non dare neanche l’impressione di voler interferire su istruttoria in corso. Mi sembra che sia questo uno dei punti fermi rispetto al dibattito istituzionale». Sia il Pd che il Comitato “Rifiuti Zero” chiedono l’abbattimento dei capannoni costruiti in via Bertoneria dalla Mestrinaro a seguito della sentenza del Consiglio di Stato che ha annullato il via libera Regione in quanto non avrebbe valutato la situazione urbanistica prospettata dall’amministrazione comunale di Zero Branco. A proposito della nuova richiesta della Mestrinaro che ha aggiornato il progetto della discarica, il presidente Zaia precisa: «soltanto se l’esito della procedura di impatto ambientale risulterà favorevole, la Regione potrà considerare e consentire l’eventuale provvisoria estensione dell’utilizzo dell’impianto per la parte di nuova realizzazione».

Nello Duprè

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui