Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Pavanello e Checchin: i progetti devono essere cambiati

MIRANO. Terna sceglie il silenzio e non commenta le uscite pepate dei sindaci di Mirano e Spinea sull’elettrodotto. Il dibattito però resta infuocato, perché la nota congiunta con cui Silvano Checchin e Maria Rosa Pavanello chiamano in causa la società di gestione della rete elettrica, lascia intendere che lo scontro proseguirà fin che non cambieranno i progetti.

Ieri i due Comuni hanno messo bene in evidenza le loro posizioni sui rispettivi siti Internet, a disposizione dei cittadini. «Spinea ha chiesto già nella Conferenza dei servizi del 2010 l’interramento delle linee senza mai avere risposta. Mirano ha chiesto opere di compensazione e un incontro urgente con la società, ma senza ottenere riscontro». Ribadito dai due sindaci anche il diritto ad avere lo stesso trattamento riservato al Comune di Venezia, che avrà le linee interrate. Checchin e Pavanello poi assicurano battaglia in sede di progettazione esecutiva, chiamando anche Mira ad unirsi al coro. Ma proprio con i grillini restano tesissimi i rapporti.

Se Checchin tuona contro il Movimento 5 stelle: «Arrivano tardi, dov’erano nel 2007 quando uscì il progetto? Protestano adesso che il procedimento è concluso», a Mirano è il capogruppo del Pd Dora Bovo a pizzicare i consiglieri di Grillo: «Vogliono solo la polemica», dice riferendosi alla protesta per il mancato inserimento degli avvisi di esproprio in Internet.

«Abbiamo avvisato direttamente gli espropriati e invitato tutti all’incontro organizzato con i tecnici di Terna e le organizzazioni agricole per dare informazioni su tracciato e procedure. Sul web già il 23 agosto erano pubblicati elenco, tracciati e orari degli uffici. Documentazioni peraltro presenti solo nei siti di Mirano e Spinea: Vigonovo ha solo l’elenco pubblicato a suo tempo dai giornali e Mira ancora nulla». (f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui