Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – No Grandi Navi, raccolte 12 mila firme

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

4

set

2012

Dodicimila firme contro le grandi navi in laguna. 1647 raccolte in poche ore sabato sera, a San Giacomo dell’Orio.

Non si ferma la battaglia del Comitato “No Grandi navi”, che ha in programma una nuova offensiva per l’autunno. Obiettivo, sensibilizzare l’opinione pubblica internazionale sui rischi e i danni che il traffico delle navi da crociera porta alla laguna.

Oggi pomeriggio alle 18, al cinema Astra del Lido, proiezione del cortometraggio “Misura il natante, è troppo importante”, realizzato da Loredana Spadon e Massimo Vianello. Iniziativa di Circuito cinema e della Venice film commission, evento collaterale alla Mostra del Cinema. Seguirà dibattito con gli aderenti al comitato e il portavoce Silvio Testa.

Dieci minuti di corto che insieme ad alcuni filmati giù diffusi su You Tube mostra quello che succede quando una grande nave alta come un palazzo di dieci piani, lunga 300 metri e pesante 130 mila tonnellate entra in laguna. Spostamento di grandi masse d’acqua, fumi inquinanti, onde elettromagnetiche, sedimenti che se ne vanno in mare e danni alle rive. E poi un passaggio di navi “fuori scala” che nulla hanno a che vedere con la millenaria storia della Serenissima.

Intanto si studiano le alternative e l’ordinanza del governo che vieta il transito alle grandi navi nelle zone di particolare interesse per Venezia è stata sospesa. In prospettiva si dovrebbe vietare il passaggio davanti a San Marco delle navi di stazza superiore alle 40 mila tonnellate.

Ma il ministro per l’Ambiente Corrado Clini ha chiesto prima di poter vedere le alternative proposte dal Porto. «La tragedia del Giglio non va confusa con la laguna, qui la navigazione è sicura», ha scritto nella prefazione a un libro sulle navi edito dall’Autorità portuale.

Frasi che hanno fatto arrabbiare ancora di più gli attivisti del comitato. Chs si sono già dati appuntamento in Punta della Dogana per metà settembre per una nuova manifestazione di “saluto” alle grandi navi indesiderate.(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui