Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

COMUNICATO STAMPA

Per Mira Fuori del Comune il dibattito sulla città metropolitana è fuori centro: il problema infatti non è scegliere tra Venezia o Padova, ma quello di difendere la Democrazia e l’autonomia degli Enti Locali.

Già il precedente Decreto “Salva Italia” è stato oggetto di ricorsi alla Corte Costituzionale da parte di 8 Regioni (Veneto compreso) sulla modalità e sulle competenze in materia di riordino amministrativo, ma ora il decreto sullo “Spending review” (convertito in Legge 135/2012) fa ancora peggio: va a modificare di imperio l’assetto costituzionale dello Stato Repubblicano, per di più con un provvedimento di natura economica emanato in tutta fretta per assecondare gli appetiti della finanza internazionale e dell’Europa.

“Questo modo di procedere è inaccettabile” sbotta il Capogruppo Mattia Donadel – “siamo di fronte una vera e propria deriva democratica, a una nuova dittatura, quella del mercato. I Comuni e i cittadini dovrebbero opporsi facendo fronte comune”.

Basti pensare che con la nuova legge l’istituzione delle Città Metropolitane viene decisa dal Governo e non più su iniziativa degli enti locali interessati attraverso la consultazione popolare così come previsto dagli artt.22-23 del Testo Unico degli Enti Locali, ora abrogati.

Non solo, si richiede ai Comuni di aderire a “scatola chiusa” e in tempi strettissimi alla Città Metrpolitana senza poter discutere e decidere prima le nuove “regole del gioco”, senza avere il tempo di informare correttamente i cittadini e dare loro la possibilità di decidere.

Il rischio concreto è che i Comuni vengano ridotti a una sorta di municipalità perdendo quel poco di autonomia che gli è rimasta, e che la maggior parte dei poteri e delle funzioni vengano concentrate in poche mani: nel caso dell’area metropolitana di Venezia a decidere sulla testa di oltre 800.000 persone sarebbero il Sindaco metropolitano e 12 consiglieri nemmeno eletti con suffragio universale. Con buona pace della rappresentanza democratica, della partecipazione, della tutela delle minoranze.

Se a questo aggiungiamo che le Prefetture diventano uffici territoriali dello Stato e non più del Governo (Art.10), la riforma assume toni addirittura inquietanti, riportando alla memoria l’organizzazione del “ventennio fascista”, quando ai “Prefetti” si sono aggiunti i “Podestà”.

Per Mira Fuori del Comune non vi è dubbio che il nostro territorio abbia le caratteristiche per essere riorganizzato in termini di “area metropolitana vasta” e che la Riviera del Brenta sia strettamente in relazione con Venezia, ma questo processo deve essere guidato dalle comunità con il pieno coinvolgimento delle popolazioni, e sulla base di studi seri relativamente ai flussi e agli assetti esistenti.

Mira Fuori del Comune ha già pronto un ordine del giorno da presentare in Consiglio Comunale per chiedere all’amministrazione di non cadere in questa trappola e di attivarsi in tutti i modi per opporsi a questa controriforma, cercando di coordinarsi con gli altri Comuni.

La questione dei tempi non è così perentoria, e tra l’altro il prossimo 6 novembre è atteso il pronunciamento della Corte Costituzionale su questo importante tema.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui