Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “L’agricoltura veneta sara’ Ogm-free”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

set

2012

VENEZIA – L’assessore Manzato contesta la sentenza della Corte di giustizia europea

VENEZIA – La Ue a favore degli Ogm, ma l’assesore veneto non ci sta. Ieri la Corte di giustizia europea ha pronunciato una sentenza in cui avverte l’Italia, e in particolare il Ministero delle politiche agricole, che non può bloccare le procedure per la messa in coltura di Ogm di varietà autorizzate nell’Ue, in attesa dell’adozione da parte delle Regioni di norme sulla “coesistenza” tra le colture Ogm e quelle convenzionali. In concreto – scrivono i giudici europei – la coltura del mais Mon810 (autorizzato dall’Ue nel 1998, ndr), «non può essere assoggettata a una procedura nazionale di autorizzazione» in quanto si tratta di varietà già autorizzate in Europa.
Ma da Venezia si dimostra in disaccordo l’assessore regionale all’agricoltura, Franco Manzato. «L’agricoltura veneta ha interesse ad essere Ogm free sul mercato mondiale. Al più presto convocheremo la task force anti Ogm per ribadire questa posizione, già espressa più volte in maniera netta e inequivocabile. E sia chiaro che Ogm significa organismi geneticamente modificati e coperti da brevetto, non organismi geneticamente migliorati». Secondo l’assessore «la sentenza della Corte di giustizia nulla cambia rispetto alle politiche che la Regione ha adottato per garantire le produzioni di qualità. Essa si limita a considerare illegittimo un blocco indiscriminato e aprioristico di messa a coltura del transgenico, non tenendo conto che le amministrazioni centrali e quelle regionali non pongono un divieto generale, ma rispetto alle garanzie di non contaminazione».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui