Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “Ormai è una Riviera sfiorita”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

set

2012

DOLO – In occasione dell’importante manifestazione il Cat denuncia il degrado

I Comitati: «Nessun impegno per il patrimonio architettonico e paesaggistico»

IL CENSIMENTO – Tutte le aree lasciate in abbandono. Durante «Riviera Fiorita» Cat distribuirà un censimento delle di pregio architettonico e paesaggistico che necessitano di interventi.

Numerosi gli appuntamenti in programma per oggi, correlati alla tradizionale manifestazione di «Riviera fiorita». E anche quest’anno Cat, il coordinamento dei comitati di Ambiente e Territorio, ha deciso di essere presente. Lo slogan scelto: «Riviera fiorita e… la tua Riviera smarrita!».

«Ogni anno – spiega Adone Doni, portavoce del coordinamento – Riviera Fiorita viene organizzata per evidenziare le bellezze architettoniche e paesaggistiche delle rive della Brenta, credendo o facendo credere nel loro potenziale turistico. Ma l’idea di una Riviera che fiorisce si sta via via smarrendo. Il problema più grave è che il patrimonio architettonico sta perdendo pezzi, alcuni già difficilmente recuperabili».

Proprio per questo Cat ha istituito un gruppo di lavoro per la schedatura di edifici e paesaggi degradati e oggi distribuirà in varie località della Riviera un volantino che denuncia la mancanza di un progetto unitario dell’area del basso bacino del Brenta, dal Graticolato a Campagna Lupia, per la tutela e valorizzazione di questi beni dimenticati.

«Solo a partire da una nuova visione unitaria e identitaria di questo territorio e da un diverso ordine di priorità nelle scelte urbanistiche – spiega – è possibile pensare di invertire la rotta».

Intanto l’evento inizia a Stra, alle, 9 con la cerimonia rievocativa dell’incontro tra il Doge ed Enrico III, re di Francia, e con la formazione del corteo storico. Alle 10, la partenza del corteo acqueo, con la «Peata del Brenta» e la tradizionale benedizione. Alle 10.30 il corteo si fermerà a Fiesso per un saluto. Alle 11, davanti all’ex Foro Boario di Dolo, la discesa del corteo storico, con la sfilata per le vie del centro fino all’ex Macello, dove si reimbarcherà, in direzione di Mira, con arrivo alle 13.30. A seguire la sfilata del corteo da Piazza Mira Porte lungo via Don Minzoni e la sfilata a piedi alle 16.30 lungo Riviera San Pietro ad Oriago. Mentre alle 17.30 è previsto l’arrivo a Malcontenta.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui