Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

COMUNICATO STAMPA

In bicicletta verso “Venezia 2012 – 3^ Conferenza internazionale della Decrescita” (www.venezia2012.it) in programma dal 19 al 23 settembre.

Domenica 16 settembre 2012 i comitati, le associazioni, i movimenti e i cittadini del Veneto, impegnati nella difesa dell’ambiente e dei beni comuni, si ritrovano in Riviera del Brenta, a Mira (VE), ore 11.00 davanti al Mirasole per pedalare festosamente insieme al gruppo di eco-ciclo-attivisti Ecotopia Biketour partiti da Barcellona il 7 luglio scorso e diretti a Venezia, sede del grande evento sulla Decrescita.

Opzione Zero parteciperà alla gioiosa e colorata pedalata, il cui significato è quello di ribadire il NO alle Grandi Opere e il diritto alla qualità della vita che si esprime con scelte sostenibili, democratiche e responsabili.

Centri commerciali, cittadelle artificiali come Tessera City e Veneto City, poli logistici, autostrade a tutto spiano… il Veneto pensa ancora di andare avanti così, fingendo che la crisi economica, sociale e ambientale che attanaglia il Paese non lo riguardi. Proprio di questi giorni, la nuova ribalta della Romea Commerciale (Orte Mestre) con l’imminente sblocco dei finanziamenti da parte del CIPE. Un’opera faraonica da 10 miliardi di euro, devastante e totalmente inutile.

È proprio questo modello di sviluppo, improntato alla logica arrogante della crescita infinita, della privatizzazione dei beni comuni, della distruzione dei territori e dell’accentramento speculativo di capitali, che sta minacciando il nostro Paese e l’intero Pianeta.
Uscire dalla crisi si può, ma bisogna invertire subito la rotta, proponendo un cambiamento di paradigma che sposti finalmente il focus sulle reali necessità delle persone e delle comunità. La direzione giusta è quella indicata dai movimenti per la Decrescita: che significa tornare a mettere al centro non già lo Spread o il PIL, ma l’equità sociale, l’occupazione, le economie locali, una mobilità sostenibile, la tutela della salute e dell’ambiente, le piccole opere necessarie al posto delle “grandi opere” inutili.

Per questo domenica 16 la tutti i movimenti che si battono contro la Romea Commerciale, la Pedemontana, la Valdastico Sud, la Nogara Mare, il Tav; contro la militarizzazione del territorio vicentino, le grandi navi a Venezia, il carbone a Porto Tolle, la cementeria di Monselice, la centrale idroelettrica nella Valle del Mis… , si danno appuntamento in Riviera del Brenta per poi passare simbolicamente il testimone alla Laguna e alla città di Venezia.
In allegato la locandina.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui