Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Portegrandi, contro il biogas nasce il Comitato Cittadino per la Salvaguardia e la Valorizzazione del Territorio. Si è tenuto ieri sera infatti il secondo partecipato incontro del gruppo di cittadini che si sta mobilitando per riuscire a esprimere il proprio disaccordo rispetto al progetto per la realizzazione di un impianto di produzione di energia alimentato a biogas presentato dalla Tenuta Agricola I Marzi e che sarà discusso nelle prossime settimane nella Conferenza dei Servizi regionale. Un progetto che, come recita il comunicato stampa del comitato, «non è in sintonia con la visione sullo sviluppo del paese da parte della cittadinanza e incompatibile con i vincoli di natura ambientale, archeologici e paesaggistici dell’area in oggetto». Un’area che, ricordano, è inserita tra i beni patrimonio dell’Unesco. I diversi fronti che si erano attivati per contrastare questo progetto si sono quindi riuniti e hanno deciso di continuare con la raccolta firme (che sarà estesa all’intero comune di Quarto d’Altino) e di avviare una collaborazione con le istituzioni, inviando una lettera all’attenzione della Sindaca, della Giunta e del Consiglio Comunale di Quarto d’Altino al fine di sensibilizzare i Comuni limitrofi che sarebbero coinvolti. Inoltre è stata predisposta un’altra lettera che sarà inviata a tutti gli enti chiamati a esprimersi nella Conferenza di Servizi e ai rappresentanti politici in cui si dichiara la posizione contraria del Comitato alla realizzazione dell’impianto. Infine è stato deciso di realizzare un opuscolo informativo. A ideare e disegnare il logo del comitato, che nasce per discutere la questione del biogas ma che conta di diventare permanente per la tutela costante del territorio di Portegrandi, saranno i bambini del paese. (M.Fus.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui