Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Anche i No Tav contro le grandi navi

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

15

set

2012

DOMENICA DI PROTESTE

DOMANI A VENEZIA

LA MANIFESTAZIONE – Domani alle 15 maxiraduno a Punta della Dogana

L’APPELLO   «Manifestazione pacifica aperta alle barche tipiche»

Il fronte coinvolgerà anche i No Pedemontana e altri gruppi

Si annuncia una manifestazione massiccia, quella di domani alle 15 in punta della Dogana contro le grandi navi. Arriveranno anche i comitati No Tav.

CICLISTI – Da Barcellona in arrivo gli ecologisti in bicicletta

Presi alla spicciolata possono sembrare pochi, ma domani all’appuntamento veneziano saranno in molti, raggruppati nelle varie associazioni che si battono per la tutela dell’ambiente. E così ci sarà chi lotta contro “la mega-speculazione di VenetoCity”, oppure contro la costruzione della Pedemontana, chi non vuole il progetto della Tav, chi è contro gli inceneritori “travestiti da cementifici”, chi come il Comitato No Grandi Navi-Laguna Bene comune vuole estromettere dalla laguna i “grattacieli del mare” non compatibili con l’ecosistema.
E così la manifestazione è organizzata grazie al coordinamento particolarmente efficace di più gruppi: la partenza sarà da Mira alle 11 insieme al Gruppo di eco-ciclo-attivisti Ecotopia Bike Tour, partiti da Barcellona per raggiungere Venezia per la Terza Conferenza Internazionale sulla descrescita. Tappe salienti i “punti caldi” quali la Fincantieri di Marghera e la Marittima di Venezia. Gli ecociclisti, insieme ai rappresentanti no Tav e agli ambientalisti mestrini si riuniranno al gruppo a piedi a San Basilio: bici in spalla il corteo attraverserà il ponticello di legno per raggiungere la fondamenta delle Zattere e per congiungersi, in punta Dogana, al corteo acqueo che sarà presente verso le 15 per protestare contro il passaggio delle grandi navi da crociera nella laguna di Venezia.
L’atteggiamento – è la promessa – sarà pacifico nonostante il passaggio sotto la sede dell’autorità portuale: ci sarà l’attesa delle navi da crociera con striscioni contro la devastazione. «L’appello – sottolinea il portavoce del Comitato, Silvio Testa – è rivolto al mondo delle remiere e della vela: ci auguriamo che tutti gli appassionati siano presenti in difesa della laguna, denominatore comune per vogatori e velisti». Nel frattempo c’è l’intenzione di chiedere un appuntamento al sindaco per consegnare le 12 mila firme già raccolte per l’estromissione delle navi dal Bacino San Marco.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui