Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARTELLAGO. Tre nuovi bacini di laminazione nel Comune di Martellago, oltre alla ricalibratura del Rio Storto fra il Passante e le cave di Maerne. Sono iniziati in questi giorni i lavori di messa in sicurezza idraulica di alcuni punti critici del territorio ed eseguiti dal consorzio Acque risorgive.

Proprio sul Rio Storto c’è il cantiere più oneroso, da un milione e 570 mila euro. Qui gli operai sono intervenuti lungo due chilometri e mezzo di corso d’acqua, con la costruzione di un manufatto di sfioro con una paratoia a valle delle cave e in grado di lambire l’intera portata del Rio Storto. Inoltre è stato rifatto un ponte già esistente.

La consegna del cantiere è prevista nei prossimi giorni. Per quanto riguarda le vasche di laminazione, i punti interessati sono via Tito Speri a Olmo, via Frassinelli a Maerne e via Trento a Martellago.

Si tratta di progetti inseriti in un Protocollo d’intesa con la Provincia e Comune e che permetteranno di raccogliere l’acqua durante la piena. Sarà intercettata pure la rete di fognatura bianca. L’importo complessivo dei lavori è di 57 mila euro. (a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui