Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Il Comune di Spinea dice no allo spreco alimentare e aderisce alla «Carta Nord-est spreco zero», il decalogo di buone pratiche promosso dal Parlamento europeo per ridurre del 50% i dispendi entro il 2025. La Carta impegna le amministrazioni a promuovere attivamente nel loro territorio la riduzione degli sprechi alimentari attraverso una serie di azioni virtuose: dal recupero dei prodotti invenduti da cedere a cittadini meno abbienti, alle vendite scontate di generi vicini alla scadenza, dall’educazione alimentare alla modifica della disciplina degli appalti pubblici per la ristorazione, oltre alla riduzione degli sprechi di acqua, energia e mobilità. «L’obiettivo della Carta Nord-est spreco zero – spiega l’assessore all’Ambiente Stefania Busatta – è la realizzazione di una strategia per migliorare l’efficienza della catena alimentare. Gli enti locali e le regioni che aderiscono all’iniziativa si impegnano a sensibilizzare la popolazione e le attività produttive”. (D.Cor.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui