Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Si preannuncia rovente la seduta del consiglio comunale di domani sera. Si parlerà della vendita di un terreno del Comune tra via Sile e via Lovara, a nord degli stabili dell’ex scuola agraria: un’integrazione al piano delle alienazioni dovrebbe rendere possibile l’asta del terreno – 120mila metri quadrati di cui 90mila coperti – dove dovrebbe insediarsi la Rotocart di Piombino Dese. È la stessa ditta che avrebbe dovuto realizzare uno stabilimento nel contestato piano di Barcon, dove c’è in progetto anche il grande macello della Colomberotto. Ma la Rotocart, dopo le difficoltà incontrate a Vedelago, avrebbe pensato di dirottare la propria cartiera a Castelfranco. La giunta comunale avrebbe trattato con l’azienda preparando il campo per un’asta e vendere il terreno partendo da una base di circa 5 milioni. Voci parlano di un investimento da oltre 100 milioni di euro che potrebbe garantire 200 posti di lavoro. Ma l’opposizione è contraria ed è pronta a dare battaglia in Consiglio. Il Pd, da lunedì, quando in commissione urbanistica è stata presentata l’operazione, è in fibrillazione.

«Nella prima istanza presentata al Comune di Vedelago dalle due ditte proponenti il progetto si parlava di un migliaio di posti di lavoro, poi si è arrivati a definire che la cartiera potrebbe occupare circa venti addetti altamente specializzati -attacca Laura Viola, segretario del Pd- Poi l’enorme quantità di acqua indispensabile ad una cartiera impatterebbe in modo gigantesco sulle falde acquifere, le cartiere sono considerate industrie ad altissimo inquinamento, ma non solo, il sito scelto è a ridosso di aree residenziali e stiamo parlando di un edificio alto 40 metri; tutto questo palesato lunedì e messo al voto dopo 4 giorni». «È un’operazione -prosegue- che dovrà essere vagliata in ogni minimo particolare, acquisiremo tutti i documenti di Vedelago, coinvolgeremo la città, gli altri partiti, le associazioni ambientaliste e non permetteremo che il Comune per risolvere il suo problema con il patto di stabilità sventri Castelfranco».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui