Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Tromba d’aria, un quarto d’ora di caos

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

set

2012

RIVIERA DEL BRENTA  – Molti alberi sradicati, traffico in tilt sulla statale e stop ai treni sulla linea

Tromba d’aria e grandine. Quindici minuti d’inferno

Chicchi di grandine grossi come noci e raffiche di vento fortissimo: paura a Mira, investita dal fortunale

I PAESI PIÙ COLPITI – Mira e Oriago in ginocchio, danni a Camponogara

Un inferno d’acqua. Quindici minuti di fortissime raffiche di vento, grandine con chicchi grandi come noci e pioggia violentissima che hanno messo in ginocchio la Riviera, soprattutto tra Oriago e Mira. Ieri pomeriggio alle cinque e mezza il fortunale senza precedenti per intensità che come effetto immediato ha paralizzato il traffico, con le auto in transito sulla Brentana costrette a fermarsi per la completa mancanza di visibilità e l’interruzione della circolazione ferroviaria per i tronchi finiti sui binari. Raccolti completamente distrutti per almeno sei aziende agricole della zona: in una situata in via Cavalli anche la stalla scoperchiata. E poi gli alberi abbattuti, almeno una quindicina, sradicati dalla base, in alcuni casi caduti su auto e sedi stradali come quello in via Nazionale che ha mandato in tilt la viabilità della zona e anche quella ferroviaria, sulla linea Mestre-Adria con i treni serali della cosiddetta “vàca mora” cancellati e sostituti con gli autobus. E poi cassonetti impazziti e ribaltati in mezzo alle vie. Fra le più flagellate via Venezia, via Sabbiona, via Ca’ Balletto, il Naviglio. A cedere sotto le potenti sferzate anche una pianta secolare di villa Allegri e due pioppi che sono crollati sui camion nel parcheggio della Miralanza.
Una quarantina le chiamate al centralino dei vigili del fuoco che hanno richiesto anche l’ausilio dei volontari della Protezione civile e degli agenti della polizia locale per far fronte all’emergenza. Saltate anche le linee elettriche e telefoniche a causa dei fili travolti dagli alberi. Disagi registrati anche a Camponogara: un salice piangente del giardino della scuola materna di Campoverardo è stato divelto. In via Fossato un grosso albero si è abbattuto sulla strada interrompendo la circolazione. In piazza Mazzini, quella centrale, un ramo si è staccato ed finito su una macchina in sosta. In via Fermi una cabina dell’Enel è crollata parzialmente interrompendo l’elettricità.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui