Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Un’assemblea pubblica contro Alles

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

set

2012

MARGHERA

L’assemblea permanente contro il rischio chimico chiama a raccolta i cittadini di Marghera per contrastare il potenziamento dell’impianto Alles in zona industriale.
Lo fa promuovendo per oggi, giovedì 27 settembre alle 20,30 nella sala consiliare di piazza Municipio, un’assemblea pubblica. «La commissione tecnica regionale – si legge in una nota – sta dando parere positivo al progetto Alles per potenziare il suo impianto di via dell’Elettronica per trattare e stoccare rifiuti e fanghi industriali provenienti da tutta Italia e dall’estero.»
Il rischio, secondo l’assemblea, è che l’impianto, che ora tratta solo i rifiuti di Porto Marghera, diventi una sorta di «pattumiera d’Italia». «Tutto questo significherà – continuano – un notevole impatto per la salute dei cittadini derivante sia dal trattamento dei rifiuti che dal passaggio di camion e chiatte cariche di veleni. Comune e Provincia hanno già bocciato questo progetti. Adesso vogliamo che anche la Regione lo blocchi.»
All’assemblea, parteciperanno il presidente della Municipalità Flavio Dal Corso e l’assessore comunale all’Ambiente Gianfranco Bettin.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui