Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

IL CASO – La cartiera interessata all’area di via Lovara: il sindaco vede molti vantaggi dalla possibile vendita

LA PROTESTA – Il Pd non ci sta e questa sera manifesterà con un sit in

L’OBIETTIVO  «Potremmo sbloccare lo scalo merci dando lavoro»

Il sindaco getta acqua sul fuoco sul caso della cartiera Rotocart che potrebbe sorgere nell’area compresa tra via Sile e via Lovara, anche se difficilmente le sue dichiarazioni serviranno a sedare gli animi. Per questa sera, in Consiglio comunale, è previsto un sit-in di protesta promosso dal Pd. «Per chiarezza, senza commentare dichiarazioni di chi propone confusione per apparire -replica Luciano Dussin alle critiche sull’operazione- chiarisco il piano vendita che interessa l’area tra via Sile e via Lovara».
Secondo quanto previsto, l’area, 120mila metri quadrati di cui 90mila coperti, dovrebbe essere messa all’asta dal Comune con base d’asta di circa 5 milioni: stasera in consiglio comunale si approverà proprio l’integrazione al piano alienazioni. «Da decenni si auspica di dare inizio al servizio di scalo merci cittadino -dice Dussin- Dopo il fallimento dello scalo, inaugurato e mai utilizzato, una ditta di trasporti ha recentemente investito in quell’area a ridosso della ferrovia, ma ha bisogno di aumentare il volume di merci necessario ad attivare il servizio. A Castelfranco servono nuovi insediamenti produttivi vista la crisi occupazionale esistente, e serve uno scalo merci che porterà altra occupazione. Oltre a questo in città servono risorse, visti i continui tagli di trasferimenti. L’area è già destinata, dal Prg attuale, a utilizzo anche di attività produttive, ovviamente andrà all’asta pubblica nella massima trasparenza. Come al solito sono già uscite dichiarazioni fuorvianti, su possibili problemi derivanti da insediamenti di attività di siffatta specie, e non era il caso di farlo in mancanza di qualsiasi certezza. Spero, visti i tempi di crisi, che a Castelfranco possano concretizzarsi delle opportunità, una potrebbe essere questa». Di sicuro a chi questa sera protesterà in municipio non basteranno queste giustificazioni. Il Partito Democratico, tramite il segretario Laura Viola, lancia un appello ai cittadini: «Vi prego di aiutarci in maniera attiva in questa delicata questione che ci vede agire con le ore contate, un primo passo significativo sarebbe una massiccia presenza in Consiglio stasera, potrebbe essere fondamentale per come proseguirà questa faccenda».

Matteo Ceron

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui