Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

PAESE. Sono 6.500 le firme raccolte in tre mesi per impedire che nella discarica Terra arrivino 460 mila metri cubi di amianto.

«I rifiuti di amianto sono tra i materiali più cancerogeni al mondo e sono causa della morte per migliaia di persone. I cittadini hanno espresso il loro dissenso a gran voce, aderendo in pochissimo tempo alla petizione. Questa discarica potrebbe essere una minaccia per la salute e per il territorio. È un progetto dissennato che, con i suoi 460 mila metri cubi di amianto, potrebbe mettere a rischio la vita degli abitanti», ha spiegato l’eurodeputato di Idv Andrea Zanoni (in foto).

Oltre ad Italia dei Valori hanno attivamente collaborato alla raccolta firme esponenti del Partito Democratico di Paese e della lista Cinque Stelle di Paese e di Treviso, e hanno, membri di Pdl, Lega nord e Udc. La petizione è indirizzata a tutte le autorità del territorio.

(fe.cip.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui