Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Salzano, Variante bloccata, si va al Tar

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

4

ott

2012

SALZANO Quaresimin: traffico insostenibile per Robegano, in aumento i “mortali”

Fermo dal 2003 il progetto della bretella Scorzè-Noale che interessa anche il comune

«Il progetto della strada regionale 515 è bloccato da troppo tempo eppure la situazione della viabilità a Robegano continua a presentare pesanti criticità». È con queste premesse che, a fine settembre, il sindaco di Salzano Alessandro Quaresimin ha deciso di ricorrere al Tar contro Regione e Veneto Strade per veder finalmente realizzato un progetto datato addirittura 2003.
La nuova strada partirebbe da via Mestrina a Noale e uscirebbe a nord della centrale elettrica di Scorzè, in via Volta, diminuendo in modo considerevole il problema del traffico di mezzi pesanti in alcuni punti critici di Salzano e Robegano: si pensi, ad esempio, alla frequentatissima via Mestrina e all’incrocio del ristorante «Pioppeto» con via Cornarotta. Negli ultimi anni la zona in questione è stata teatro di vari incidenti, alcuni addirittura mortali e i residenti di Robegano hanno più volte preso posizione per segnalare sia gli intensi volumi di traffico che la velocità delle auto in orario serale e notturno. La variante 515, secondo lotto del primo stralcio, alleggerirebbe decisamente il traffico in questa zona ed è dunque una soluzione fortemente caldeggiata dall’amministrazione di Salzano. Nel 2003 il progetto venne approvato, finanziato e mandato in gara d’appalto, ma poi venne sospeso e annullato definitivamente nel 2009: costava circa 12 milioni, somma che la Regione ha successivamente deciso di investire per la tangenziale sud di Scorzè.
«Ma noi siamo molto preoccupati – spiega Quaresimin -, da qualche anno il traffico del centro di Noale è stato scaricato pesantemente su Robegano: il problema non è stato risolto ma solamente spostato da un’altra parte».
La decisione di ricorrere al Tar era nell’aria da tempo: «Abbiamo optato per questo ricorso dopo molti incontri e sollecitazioni andate a vuote – prosegue il sindaco -. La nuova strada risolverebbe molte criticità, mi auguro che si possa finalmente porre fine alla questione. Siamo fiduciosi, ma se il Tar ci darà torto prenderemo atto che evidentemente per loro la viabilità va bene così com’è». Il Tar ha tre mesi di tempo per pronunciarsi, ma ci si aspettano tempi brevi per la decisione, forse già entro novembre.

Gabriele Pipia

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui