Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Canal Grande, si’ cortei pacifici”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

ott

2012

Libertà di manifestare pacificamente in Canal Grande. Il Consiglio comunale approva un ordine del giorno per correggere in corsa quella che si era rivelata un’anomalìa: in Canal Grande, per timore del ripetersi di blocchi come quelli attuati qualche anno fa da pescatori e gondolieri, si erano votate «tutte le manifestazioni». Con la conseguenza che nel pacifico corteo a remi contro le grandi navi di qualche mese fa, tutti i partecipanti erano stati denunciati dalla Questura e dai vigili urbani. Ieri la svolta. Su proposta di Beppe Caccia (Lista «In Comune») è stato approvato a maggioranza un ordine del giorno che chiede al sindaco di intervenire per far ritirare le denunce ai partecipanti della manifestazione del 14 aprile scorso. Hanno votato a favore buona parte del Pd, Italia dei Valori, Lista In Comune, Federazione della Sinistra, Udc, Psi e Gruppo Misto. Contro, il Pdl, astenuti i consiglieri del Pd Belcaro, Capogrosso e Rosteghin. «Un grande passo avanti», dice Caccia, «eravamo all’assurdo che mentre le grandi navi hanno libero passaggio si vieta in città un pacifico corteo di cittadini che ne denunciano i rischi».

E’ passato invece all’unanimità un altro ordine del giorno, proposto dal presidente della commissione Sanità Giacomo Guzzo, che chiede di reintegrare l’organico dei pediatri di base veneziani dopo l’uscita di scena per pensionamento del medico Carlo Neidhart. Si chiede al sindaco di far rispettare la normativa che prevede un numero massimo di 800 piccoli assistiti. «Le cure del pediatra di base sono più puntali e consentono di ridurre i ricoveri ospedalieri».(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui