Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CASTELFRANCO – Lunedì alle 21 al centro culturale di Campigo ci sarà un’assemblea pubblica durante la quale si costituirà il comitato «No Cartiera». Si tratta di un gruppo apartitico che nasce per bloccare il progetto della realizzazione della cartiera nell’area all’angolo tra via Sile e via Lovara. Giovedì sera si è dibattuto del piano in un incontro organizzato dal Pd. Decine di persone si sono ritrovate nella sede di via Matteoti, presenti anche appartenenti ad altri gruppi politici. Per il momento il Pd ha annunciato la presentazione di un esposto alla Procura per irregolarità gravi riscontrate nell’iter che ha portato alla vendita dell’area. Per i democratici manca tra l’altro una perizia tecnica sul valore dell’area. Si parla di potenziale turbativa d’asta pubblica. I democratici lamentano la mancanza di un piano occupazionale esaustivo. Per la giunta Dussin, viceversa, tutto si è svolto regolarmente. L’area in questione ha una superficie complessiva di 120 mila mq, di cui 90 mila saranno destinati a superficie coperta. L’azienda interessata è la Rotocart spa di Piombino Dese, quella che avrebbe voluto insediarsi a Barcon di Vedelago. Viste le difficoltà incontrate a Barcon, la cartiera punta ora su Castelfranco.

Daniele Quarello

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui