Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – No Grandi Navi, “Ora Costa concorda con noi”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

18

ott

2012

GRANDI NAVI – Il Comitato auspica studi sul traffico sostenibile

(r.v.) «L’attuale modello di crocierismo e alla fin fine di portualità è indifendibile. La corsa al gigantismo delle compagnie da crociera non ha probabilmente limite e avrebbe finito comunque per tagliare fuori Venezia, dunque l’unica alternativa possibile è fare quanto il Comitato sostiene da quando è nato: puntare su navi compatibili con Venezia e con la laguna, nel numero che verrà definito attraverso un limite di sostenibilità turistica che la città si deve dare, pena diventare Disneyland».
Le dichiarazioni del presidente dell’autorità portuale Paolo Costa a proposito della necessità di stabilire una soglia alle dimensioni delle navi, al numero dei croceristi in arrivo in città e degli standard tecnici da rispettare per le navi che vogliono passare per il Bacino San Marco hanno trovato un attento interlocutore nel Comitato No Grandi navi – Laguna Bene Comune, che ha manifestato la propria soddisfazione. Le dichiarazioni sono approdate alla stessa linea del Comitato e «non stupiscono» per l’intelligenza che viene riconosciuta a Costa. Lo stupore è invece per l’atteggiamento del Comune, che «insiste con l’idea di portare le navi a Marghera, come se l’unico problema fosse quello del loro passaggio in Bacino e non anche il gravissimo inquinamento e la devastazione della laguna».
«Il presidente del Porto ha capito che era solo questione di tempo, che lo stesso mercato delle crociere e l’indignazione della Cultura internazionale avrebbero presto o tardi posto fine allo scandalo delle grandi navi in laguna e nel cuore della città», sostiene il Comitato, che auspica un dialogo con il Porto sulle soglie di compatibilità e di sostenibilità.

«Servono quegli studi che chiediamo da mesi, e il fatto di promuoverli in collaborazione con le due università veneziane è una prima garanzia, necessaria ma non sufficiente, perché non è un segreto per nessuno che spesso l’articolazione della domanda determina la risposta – prosegue il Comitato – Andranno dunque verificati i contenuti della commessa del concorso di idee internazionale proposto da Costa».

Il presidente del Porto è stato invitato alla festa organizzata a San Basilio sabato 10 novembre prossimo a conclusione della raccolta di firme: musica, teatro e vin brulè e un’occasione di incontro su un terreno diventato comune.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui