Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

COMITATO “NO GRANDI NAVI”

«Finalmente il presidente del Porto Paolo Costa approda alla linea del Comitato: e ammette che l’attuale modello di crocerismo è insostenibile per la laguna. Se le sue posizioni non sono strumentali, siamo pronti a confrontarci con lui alla ricerca di soluzioni».

Il Comitato «No Grandi Navi» plaude alle aperture dimostrate in questi giorni da Costa sulla possibilità di estromettere le grandi navi da San Marco. Le proteste e l’indignazione della comunità internazionale, dicono, stanno producendo qualche effetto. Costa ha chiesto verifiche affidate alle Università veneziane Ca’ Foscari e Iuav. Ha proposto lo scavo del nuovo canale Contorta Sant’Angelo, mentre il sindaco Orsoni preferirebbe spostare la Marittima a Marghera. Punture e polemiche tra i due ex amici sulle soluzioni possibili. Il Comitato annuncia che il 10 novembre chiuderà con una grande festa a San Basilio la raccolta di firme per allontanare le navi dalla laguna. «Siamo pronti a confrontarci con Costa e a discutere con lui delle alternative», dice il portavoce Silvio Testa. (a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui