Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Meolo. Tav, scontro comitati-Zaccariotto

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

ott

2012

Prevale l’ipotesi del tracciato affiancato all’attuale linea

MEOLO. Si è tenuto a Meolo l’atteso incontro tra la presidente della Provincia, Francesca Zaccariotto, e il coordinamento dei comitati contro la Tav in affiancamento all’attuale linea. Al vertice anche l’assessore ai trasporti Grandolfo e il sindaco Michele Basso. Un incontro proficuo, perché sono emersi alcuni punti importanti, ma le posizioni restano distanti con i comitati contrari all’ipotesi che una nuova linea merci tagli in due i paesi.

«Nessuna decisione sul tracciato è ancora stata presa, mentre il commissario Mainardi di fatto ha demandato ogni decisione alla politica», commentano i portavoce del comitato Tiziano Cagnato e Santino Marcon, «i tracciati a confronto sono tre. Ma, a detta della Zaccariotto, due di questi (affiancato all’A4 e litoraneo) non sarebbero più fattibili. La decisione sembra delinearsi da sé, anche se i giri di parole vorrebbero far pensare il contrario. Scegliere fra tre tracciati, quando due sono preclusi, appare molto semplice. Inoltre è emerso che non si tratterebbe più di un’infrastruttura adibita al traffico passeggeri, ma solo per le merci».

Circostanza che fa tramontare la fermata a San Donà. «Anche la presidente Zaccariotto ha parlato della necessità di potenziare come prima opera l’attuale linea. Niente di nuovo, visto che l’adeguamento era già previsto nell’ambito della metropolitana di superficie», proseguono Cagnato e Marcon, «il coordinamento ritiene comunque l’incontro proficuo».

Il comitato replica poi al governatore Zaia: «Al presidente, che ha invitato a non costituire comitati, ricordiamo che migliaia di cittadini hanno partecipato alla raccolta firme e condividono un’idea di infrastrutture non invadente. In nessuna recente opera ferroviaria europea si è previsto il traffico merci nei centri abitati, ben ricordando i fatti di Viareggio».

Giovanni Monforte

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui