Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Agricoltura, è record di assunzioni

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

ott

2012

OCCUPAZIONE – Nel settore il più elevato aumento di lavoratori dipendenti

CERNOBBIO – Con la crisi è boom di assunzioni in agricoltura, settore che fa registrare nel secondo trimestre dell’anno il più elevato aumento nel numero di lavoratori dipendenti del 10,1 per cento, in netta controtendenza con l’andamento generale. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti divulgata al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione, a Villa d’Este di Cernobbio.

«In agricoltura il lavoro c’è sia per chi vuole seriamente intraprendere con iniziative innovative, come dimostra l’aumento del 4,2 per cento nel numero di imprese individuali condotte da under 30 nel secondo trimestre dell’anno, sia anche per chi chiede possibilità di occupazione», ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che «non si tratta di un fatto marginale, ma di una opportunità, per molti disoccupati, immigrati, donne e giovani, che è in grado di garantire valore economico, ambientale e di sicurezza alimentare all’intera società».

Ad aumentare in campagna sono sia il numero di lavoratori dipendenti (+10,1%) che, in misura più contenuta, quelli indipendenti (+2,9%). Il trend positivo dell’agricoltura è il risultato di una crescita record del 13,7% al nord, ma anche del 3,5 per cento al sud mentre si registra un leggero calo nel centro Italia (- 3,2 per cento).

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui