Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

PROTESTA A LONGARE

VICENZA – Alcune decine di persone hanno partecipato alla passeggiata intorno alla base militare statunitense Site Pluto a Longare (Vicenza).
L’iniziativa, promossa dagli attivisti No Dal Molin, sarebbe dovuta servire a sensibilizzare la cittadinanza su un cantiere forse già avviato e a dimostrare l’opposizione ai nuovi progetti che saranno presi in considerazione dal Comitato Misto Paritetico (Comipar) il 25 ottobre.

Secondo i contestatori i nuovi lavori sarebbero evidenti: strutture in cemento armato, aree spianate e mezzi da lavoro si distinguerebbero tra gli alberi dei boschi. Site Pluto – precisa la nota dei “No Dal Molin” – sarebbe un’installazione militare prevalentemente sotterranea e, quindi, avvolta nel mistero.
Gli attivisti si chiedono cosa avvenga nelle gallerie e perché vi sarebbero strumenti di controllo raffinati per un’area militare che dovrebbe ospitare, secondo le dichiarazioni dei militari, qualche computer da addestramento.

Il 25 ottobre il CoMiPar dovrà esprimersi sul progetto per la costruzione di un centro di addestramento d’avanguardia sul quale i comuni di Vicenza e Longare, la Provincia di Vicenza e il Consiglio Regionale del Veneto hanno dato un parere negativo. «Approvare il progetto – secondo i manifestanti – significherebbe dare una delega in bianco agli statunitensi calpestando la volontà del territorio e delle comunità che lo abitano».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui