Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LA PROTESTA

MESTRE – Negozi aperti il primo novembre, i sindacati scendono in piazza per protesta, ma senza scioperare: attueranno una serie di iniziative per spiegare ai consumatori cosa vuol dire, per cassiere e commesse, passare le festività a lavorare, quasi sempre controvoglia. Azioni di sensibilizzazione. Come quella programmata per il pomeriggio di domani in Piazza Ferretto a Mestre. Una “marronata” aperta a tutti, per parlare dei disagi patiti dai lavoratori nel commercio, soprattutto di chi è impiegato nella grande distribuzione. Tutte le sigle sindacali legate al mondo del commercio, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil si mobiliteranno contro le aperture nei giorni di festa. Una protesta continua, ed estesa in tutto il Veneto. Si comincia oggi, con un volantinaggio a Padova, in piazza Insurrezione. Poi domani altri presidi a Verona, al centro commerciale Grande Mela, a Rovigo, alla “Fattoria”, e davanti all’Emisfero di Vicenza. A Belluno il presidio è previsto in piazza centrale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui