Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nell’ultimo decennio le aree urbane in Italia si sono espanse a un tasso molto superiore alla crescita della popolazione, con conseguente consumo di suolo. Quali sono le città che sono cresciute di più? Aumentano maggiormente i comuni capoluogo o quelli dell’hinterland? Com’è la situazione negli altri Paesi d’Europa? I dati Paese per Paese e provincia per provincia nella nostra infografica.

Cliccare qui per vedere i grafici

 

L’Italia di cemento, quante nuove case sono state costruite in dieci anni?

Fino all’inizio della crisi, il mattone è stato un pilastro portante dello sviluppo economico italiano. Poi il crollo, e le polemiche sulle case invendute. Trimestre per trimestre, ecco quanto si è costruito (regolarmente; visto che i dati si basano sui permessi edilizi e non tengono conto dell’abusivismo), metro quadro per metro quadro. Tutti i dati nella nostra infografica.

Cliccare qui per vedere i grafici

 

Estratto dalla Audizione del Presidente dell’Istat Enrico Giovannini alla Commissione Territorio, Ambiente e Beni ambientali del Senato

Il «consumo di suolo» è un concetto multidimensionale, di cui allo stato non esiste una definizione univoca. I suoi elementi più evidenti sono l’espansione delle aree urbane e l’impermeabilizzazione delle superfici naturali (soil sealing), solo in parte associata all’urbanizzazione. Entrambi questi fenomeni negli ultimi decenni sono aumentati assai più rapidamente della popolazione, in Italia come in altri Paesi europei. In generale, altre trasformazioni permanenti o difficilmente reversibili delle caratteristiche dei terreni sono associate all’insieme delle attività antropiche e agli stessi agenti naturali. L’agricoltura, ad esempio, può determinare la perdita di sostanze organiche o la salinizzazione con l’uso intensivo delle falde acquifere sotterranee per l’irrigazione. Inoltre, alcune parti del nostro territorio sono esposte in misura crescente ad erosione e al rischio di desertificazione, in relazione agli effetti del cambiamento climatico.
L’insieme di queste forme di consumo del suolo, oltre a determinare la perdita, nella maggior parte dei casi permanente e irreversibile, di suolo fertile, si riflette in frammentazione del territorio, riduzione della biodiversità, alterazioni del ciclo idrogeologico e modificazioni microclimatiche.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui