Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CASO ROTOCART Attraverso l’Osservatorio laici e preti si schierano dalla parte del “no”

L’INIZIATIVA – Distribuiti 1500 volantini: amministratori sotto accusa

Anche «L’Osservatorio», gruppo di Castelfranco di laici e preti invitato dal Vicariato ad osservare fatti e problemi del territorio, si schiera contro il progetto della cartiera. Sarà distribuito un volantino in 1.500 copie ai cittadini, oltre che alle Parrocchie della Pieve e del Duomo, per dire «no» all’insediamento industriale. «A tutti sono noti gli obblighi e le strette di bilancio a cui sono sottoposti gli enti locali, ma non è accettabile che in situazioni di emergenza siano sempre modificati gli strumenti urbanistici, le destinazioni d’uso e le relative volumetrie, edulcorate (sembra) dalla garanzia di qualche posto di lavoro -recita il volantino- Ma è proprio l’emergenza, usata quale dispositivo, a creare un problema che rappresenta la rottura di un “patto” tra l’amministrazione e i suoi cittadini, stabilito dagli strumenti urbanistici. Castelfranco ha speso recentemente tante energie istituzionali e di cittadinanza per costruire le sue politiche del territorio, ha adottato un Pat, ha un Prg, che pur non sembrando particolarmente lungimiranti, sono un vincolo che le varie amministrazioni nei loro percorsi politici hanno istituito con la cittadinanza, attraverso i canali istituzionali e non (lotte politiche, le osservazioni ai piani, discussioni). Gli strumenti stessi sono il risultato di un’attenta valutazione tecnica e procedurale, sono stati carenti in passato di un’ampia partecipazione della cittadinanza, ma essi formalizzano un patto di uso del territorio. Ora, questo patto è costantemente rotto, da varianti e spostamenti di volumetrie per motivi prettamente contingenti». Un modo di agire che secondo L’Osservatorio non ha futuro. «La “monetizzazione del territorio” e le alienazioni di beni pubblici in passato erano spesso arginate dalle entrate che i comuni attingevano dagli oneri di urbanizzazione, ma la crisi dell’edilizia ora le sta riducendo -continua il volantino- Può sembrare una scelta dettata dalla contingenza, ma non ha prospettive di lungimiranza, né per le future finanze locali, né, a maggior ragione, per le politiche di qualità urbana».

Matteo Ceron

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui