Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Fara’ sempre piu’ caldo e piovera’ meno.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

nov

2012

STATI GENERALI SULL’ACQUA

Appello al Governo per l’agricoltura

VENEZIA – La siccità che ha caratterizzato la scorsa estate sarà sempre più frequente: agli “stati generali” sulla gestione delle risorse idriche organizzati ieri a Palazzo Ferro Fini, il direttore del centro meteorologico di Arpav, Marco Monai, non ha dato prospettive rassicuranti: «In Italia nei prossimi anni le temperature sono destinate ad aumentare di 3-4 gradi, le precipitazioni diminuiranno ulteriormente. Ne soffriranno le colture irrigue del Veneto, soprattutto mais, soia e vite». Per il presidente del consiglio regionale, Clodovaldo Ruffato, è necessario un piano strategico strutturale per un nuovo sistema di opere, strumenti, servizi. Nel frattempo, però, il Governo statale deve fare la sua parte, come ha puntualizzato l’assessore Franco Manzato: gli agricoltori sono pronti a modificare tecniche e colture, ma tocca al governo nazionale assumersi garantire adeguate risorse. «Il Veneto – ha detto Manzato – attende da Roma un miliardo di euro dal piano irriguo nazionale per avviare le opere già progettate dai consorzi di bonifica e chiede stanziamenti per un altro miliardo di euro dal fondo nazionale di solidarietà per fronteggiare le emergenze calamitose». Non solo: bisogna rivedere i limiti della direttiva nitrati nelle zone vulnerabili «per non scaricare la “colpa” dell’inquinamento delle falde solo sugli allevamenti dimenticando industrie e imprese del secondario».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui