Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

L’intervento nei giorni scorsi alla Camera dei Deputati a sostegno delle preoccupazioni dei sindaci

L’onorevole Rodolfo Viola è intervenuto nei giorni scorsi alla Camera dei Deputati per perorare la causa dell’interramento dell’elettrodotto Dolo-Camin. L’onorevole del Partito Democratico ha, infatti, depositato un’interrogazione e una risoluzione per capire la volontà del Governo in merito al progetto di potenziamento della rete elettrica proposto da Terna.

«Il progetto di Terna, che è stato approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico – ha detto l’On.le Viola- sta destando grande preoccupazione in tutti i Comuni coinvolti dal progetto a cominciare da Saonara in provincia di Padova, passando da Mira fino a Spinea».

Rilanciando:

«L’approvazione del progetto per la realizzazione della nuova linea aerea, con la costruzione di tralicci alti 60 metri, ha provocato la reazione di alcuni Comuni (Vigonovo, Dolo, Fossò, Camponagara e Saonara) con ricorso al TAR e ora al Consiglio di Stato. Altri Comuni come Mirano, Spinea e Mira stanno segnalando le pesanti interferenze del progetto con aeree ad alto valore paesaggistico e culturale».

Viola capisce l’importanza strategica dello stesso, ma pone al centro il bisogno di salvaguardare il paesaggio e la salute dei cittadini:

«Riteniamo pertanto di condividere la richiesta unanime dei Sindaci e dei comitati che è quella di modificare il progetto con l’interramento della linea elettrica così come peraltro è già previsto dallo stesso progetto nell’area di Fusina e Marghera in Comune di Venezia e come ha già fatto,la stessa società elettrica in altre parti del territorio nazionale».

(G.Dco.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui