Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Scorie nucleari in A4, piano d’emergenza

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

nov

2012

Il carico radioattivo passerà entro il 14 novembre: le ipotesi incidente e sversamento esaminate in Prefettura a Venezia

MESTRE. Domani ci sarà l’ultimo incontro tecnico prima del transito di materiale radioattivo, sempre coordinato dalla Prefettura, mentre ieri, nella centrale operativa comune in caso di calamità ed emergenze di Mestre, si è svolta la riunione della Protezione Civile coordinata dal vicario del Prefetto. Riunioni simili si svolgono nelle varie Prefetture delle province attraversate dal convoglio che deve trasportare dieci barre di materiale irradiato da un deposito in provincia di Vercelli al porto di Trieste dove saranno imbarcate su una nave con destinazione gli Stati Uniti.

Proseguono le attività connesse alla pianificazione provinciale di emergenza, adottata il 31 ottobre scorso, d’intesa della Regione Veneto, per il trasporto delle scorie dal deposito di Avogrado di Saluggia, in provincia di Vercelli, al porto di Trieste, piano che è stato contemporaneamente inviato ai sindaci dei Comuni interessati dal passaggio per l’informazione preventiva alla popolazione. Il piano è stato messo a punto dalla Prefettura di Vercelli ed è uguale per tutte le singole province toccate dal trasporto che avverrà lungo l’A4. Cambia sicuramente l’attuazione nelle varie realtà attraversate.

Nel corso della riunione di ieri sono stati affrontati argomenti tecnici che riguardano la sicurezza del transito. O meglio sono state prospettate le possibili emergenze che dovranno essere affrontate nel caso il trasporto venga coinvolto in un incidente stradale o per l’incendio del tir che trasporta le barre irradiate. Quest’ultima evenienza è quella che comporterebbe lo sgombero della zona attorno al punto in cui scoppia l’incendio. Se nel caso dell’incidente la zona da evacuare, per un fatto di prevenzione, si limita ad un massimo di cento metri, ben più ampio è il raggio entro il quale la popolazione sarà fatta spostare se l’imprevisto è un incendio. Scenari che vengono prospettati ogni qualvolta avviene un transito di materiale pericoloso lungo un’autostrada.

Sempre durante la riunione sono stati esaminati anche i problemi di viabilità collegati al transito. Infatti durante il passaggio gli accessi in autostrada saranno limitati, di conseguenza è possibile che per brevi periodi i caselli vengano chiusi. Le auto in transito al momento del passaggio del convoglio saranno tenute a debita distanza dalle pattuglie della polizia stradale di scorta al carico.

Domani è previsto un nuovo incontro per definire gli ultimi dettagli dell’operazione, nel corso del quale sarà completata l’informazione ai sindaci dei Comuni interessati dal passaggio del convoglio. Sempre domani è possibile che venga comunicata la data del transito che non avverrà di sicuro oltre il 14 novembre.

Il giorno e l’orario scelti sicuramente riguarderanno momenti in cui il traffico commerciale lungo l’A4 non è intenso, anzi è praticamente nullo.

link articolo

 

La rabbia dei sindaci del miranese

“Vogliamo sapere quando transitera’ il carico pericoloso”

Checchin (Spinea): «Dobbiamo informare i cittadini sul passaggio ma non siamo in grado di precisare il giorno»

MIRANO. «Comuni obbligati a informare i cittadini, abbiamo fatto tutto quanto previsto dalle procedure». A chi li accusa di eccessivo allarmismo, i sindaci replicano carte alla mano.

Nel Miranese, quattro comuni su sette sono attraversati dal Passante e hanno dovuto mettere in pratica le procedure previste dal piano di emergenza stilato e consegnato dalla prefettura. Si tratta sia di prescrizioni da attuare in via preventiva, sia in caso di incidente rilevante al convoglio durante il percorso. Ai cittadini poco importa, perché un’informativa con tutti quegli scenari dice poco o nulla sul comportamento da tenere in caso di pericolo: da Mirano a Spinea, passando per Salzano e Martellago, la popolazione del Passante non ha gradito.

Messi in guardia da un pericolo grave, ma difficile che si realizzi, nonostante tutto allertati senza conoscere tempi ed effetti dell’allertamento, soltanto con la consegna di un’informativa che sembra parlare più agli enti che alla gente comune. Prova a spegnere le polemiche il sindaco di Spinea Silvano Checchin, in prima linea insieme ai colleghi nella gestione di questa strana vicenda. «Abbiamo fatto quello che dovevamo fare», afferma Checchin, «e che è contenuto nel piano di emergenza provinciale predisposto dalla prefettura».

La parte che interessa i comuni è quella riportata al punto 6, dove è precisato: «Condizione fondamentale per una corretta gestione dell’emergenza nucleare è che la popolazione sia informata in anticipo sui rischi generici a cui è soggetta, sul piano di emergenza, sulle precise istruzioni da seguire in caso di incidente e sull’adozione delle misure urgenti da adottare in caso di vera e propria emergenza nucleare». Dunque informazione preventiva: «Ed è quello che abbiamo fatto avvisando casa per casa i cittadini lungo il Passante», chiarisce Checchin, «per il resto ai comuni tocca l’avviso alla popolazione con altoparlante e tramite la polizia locale in caso di emergenza radiologica». Ma resta lo scontro sui tempi. Per ogni comune il passaggio del convoglio durerà pochi minuti e i sindaci chiedevano solo di sapere quando allertare i cittadini interessati per non doverlo fare in maniera continuata e indefinita nel tempo.

«La prefettura ha deciso di non comunicare la data», allarga le braccia Checchin, «alla luce di questo noi abbiamo agito nell’unico modo possibile: allertare subito». La questione però non è chiusa: i comuni chiedono di sapere almeno un giorno prima la data del transito del carico pericoloso. Da Mirano intanto si leva anche la voce del presidente del circolo di Legambiente, che se la prende con la scarsa informazione, tutta a scapito dei cittadini: «Il caos informativo di questi giorni ci lascia perplessi e mette un po’ paura», afferma Pierluigi Paloscia, «la nostra associazione stigmatizza da sempre questi trasferimenti di materiale e ne denuncia l’estrema pericolosità. Resta il fatto che normative ben precise e rigorose regolano il transito di materiali su gomma. A livello informativo però si poteva fare di più, anche se in questi casi è sempre molto difficile capire quale sia la cosa migliore da fare. Ci auguriamo che non accada nulla e che per il futuro il Comune di Mirano sappia opporsi in sinergia con gli altri sindaci a questi traffici in modo che nessun carico pericoloso, radioattivo e non, transiti per i nostri territori».

Filippo De Gaspari

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui