Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Tav, stop al tracciato litoraneo

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

nov

2012

Lo chiede la commissione Ambiente e Lavori pubblici della Camera

Tav Venezia-Trieste, la commissione Ambiente e Lavori Pubblici della Camera chiede lo stop definitivo all’iter del contestato tracciato litoraneo. Ieri la commissione parlamentare ha approvato in forma congiunta le due risoluzioni presentate sul tema lo scorso luglio dai deputati Rodolfo Viola e Simonetta Rubinato (Pd) e lo scorso ottobre da Manuela Lanzarin e Gianluca Forcolin (Lega). La risoluzione congiunta impegna il Governo ad assumere tutte le iniziative di sua competenza per interrompere la procedura di Valutazione d’impatto ambientale (Via) del tracciato basso tuttora in corso presso la Commissione Via nazionale.

«Proprio per gli aspetti ambientali e per la posizione negativa di tutti i soggetti coinvolti pareva naturale l’abbandono del progetto litoraneo», spiegano Viola e Rubinato, «a maggior ragione ora, a seguito della presentazione dello studio di fattibilità sul tracciato in affiancamento alla linea storica da parte del commissario Mainardi». «Ecco perché», proseguono Viola e Rubinato, «dovrà essere svolta una vera comparazione tra le possibili ipotesi progettuali comprese quelle in affiancamento agli attuali sistemi di viabilità presenti sul territorio (asse ferroviario e autostradale), impegnando nel contempo il governo a svolgere la necessaria attività di confronto preliminare con i cittadini secondo il metodo del dibattito pubblico, sul quale lo stesso governo si è ripetutamente impegnato anche a seguito di una nostra risoluzione approvata nello scorso aprile».

Ora, insomma, lo stop al tracciato basso dovrebbe essere definitivo, come chiesto a gran voce dai Comuni. «Ci auguriamo quindi», concludono Viola e Rubinato, «che la comparazione porti al definitivo abbandono del tracciato litoraneo e a una seria e partecipata scelta sulle possibili alternative».

Giovanni Monforte

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui