Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

La giunta di Noale dà il proprio assenso, ma i comitati hanno già programmato un incontro per il 16 novembre

NOALE. La giunta di Noale dice sì all’adeguamento tecnologico della Cosmo Ambiente ma con una serie di raccomandazioni. Dunque è arrivato il parere del governo locale al progetto della fabbrica al confine tra Noale e Salzano, con un atto d’indirizzo votato all’unanimità e inviato alla commissione regionale di Valutazione d’impatto ambientale (Via).

L’azienda ha l’autorizzazione per il trasporto di eternit, lo recupera e poi lo porta in discarica. Negli ultimi anni ha sviluppato il trattamento di rifiuti inerti anche nel suo centro autorizzato e ha chiesto di poter stoccare il materiale. Ora bisogna capire la reazione dei comitati Noale Ambiente e Ambiente Sicuro di Salzano, che si sono detti contrari a questa ipotesi, protestando sia in Consiglio a Noale sia durante la festa di Aprilia e intervenendo pure nel dibattito del parlamentino di Salzano.

Temono che il progetto sia troppo impattante, oltre a danni alla salute provenienti da rifiuti speciali pericolosi. Ma intanto la giunta ha dato il suo via libera con alcuni paletti. Intanto chiede di escludere la parte relativa alla lavorazione di materiale con amianto e che si concretizzerebbe nell’erigere una cabina destinata all’esame e alla cernita manuale. Di più. La giunta invita a controlli e monitoraggi continui dell’attività; controlli che dovranno essere fatti non solo dalla Cosmo ma anche dagli enti preposti, come Provincia, Arpav, Comune e Servizio d’igiene di sanità pubblica (Sisp) dell’Asl 13. Le verifiche dovranno riguardare le emissioni in atmosfera, mentre sarà obbligatorio installare un sistema di accertamento continuo per i camini dal numero diciassette al venti, compresi. Riguarda la linea essicamento e desorbimento termico, il trattamento aeriformi e combustione di biomasse naturali, per quest’ultimo laddove non sia presente. Ma non è finita, perché si dovrà tenere d’occhio l’inquinamento acustico, con rilievi all’interno e all’esterno, con l’obiettivo di aumentare le aree verdi per ridurre l’impatto ambientale. Analisi specifiche si dovranno fare sia sui materiali in arrivo sia su quelli in partenza, lavare degli pneumatici per i camion durante il trasporto degli inerti in uscita dall’impianto, controllare le acque reflue, indicando i punti di prelievo, usare sempre i dispositivi per abbattere e ridurre la quantità di polveri provenienti dal movimento dei materiali. Intanto per venerdì 16 novembre alle 20.30 in sala San Giorgio a Noale, è convocato un incontro informativo indetto dai comitati proprio per parlare del progetto di allargamento della Cosmo.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui