Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Appello alla Regione per bloccare il progetto Alles

Posted by Opzione Zero in Appuntamenti | 0 Comments

12

nov

2012

Da dieci anni l’ASSEMBLEA PERMANENTE CONTRO IL RISCHIO CHIMICO di Marghera sta svolgendo una funzione di sentinella del territorio e di allarme a fronte degli eventi che possono minacciare la salute di cittadini e lavoratori. In questi mesi stiamo combattendo l’ennesima battaglia contro i soliti noti che stanno tentando di svendere la qualità della vita di tutti noi per il proprio tornaconto personale: la società Alles SpA (gruppo Mantovani) ha chiesto il potenziamento del proprio impianto di stoccaggio e trattamento di rifiuti tossico-nocivi di via dell’Elettronica a Marghera (per ulteriori dettagli clicka qui: http://margheraonline.it/blog/marghera/no-al-progetto-alles/

Tra le varie azioni che stiamo attivando in difesa della salute e del futuro della popolazione tutta, abbiamo deciso di inoltrare un appello alla Regione affinché blocchi il progetto Alles.

ASSEMBLEA PERMANENTE CONTRO IL RISCHIO CHIMICO

http://margheraonline.it/
pagina facebook “assemblea permanente contro il pericolo chimico a Marghera”

____________________________________________________________________________________________________________

APPELLO
____________________________________________________________________________________________________________
ALLA GIUNTA REGIONALE VENETA E AL SUO PRESIDENTE

Le/i sottoscritti chiedono alla Giunta Regionale  del Veneto di NON recepire il parere positivo della commissione tecnica V.I.A. e di negare qualsiasi autorizzazione al progetto di revamping presentato dalla ditta Alles S.p.A., Azienda Lavori Lagunari Escavo e Smaltimenti, di via dell’elettronica 21 a Marghera.

Tale progetto è estremamente pericoloso per la salute dei cittadini tutti e dei lavoratori della zona industriale nonché dannoso per il territorio e per l’ambiente: una previsione dell’ARPAV ha stimato che l’impianto potenziato produrrebbe il 30% in più di polveri e di rumore. E’ facile intuire come tutto ciò rappresenterebbe un’ulteriore offesa ad un territorio già ampiamente compromesso  da decenni di attività produttive inquinanti e pericolose.

I pediatri e i medici di famiglia di Marghera e Mestre rilevano continuamente gravi danni alla salute della popolazione: sono infatti in costante aumento asma e malattie respiratorie nei bambini, bronchiti croniche, leucemie e tumori del polmone e del fegato negli adulti e negli anziani. E’ per questo che pediatri e medici hanno inoltrato un appello alla Giunta Regionale contro l’ampliamento di Alles.

Recenti accordi stipulati in materia di bonifiche e messa in sicurezza del territorio, sostenuti anche dal Piano Regionale di Sviluppo approvato nel 2007 da Giunta e Consiglio del Veneto, possono aprire la strada al complessivo rilancio produttivo del polo di Porto Marghera e alla sostituzione dei cicli produttivi inquinanti con attività pulite ed ecologicamente compatibili e sostenibili. All’opposto, il progetto Alles va contro a tutto questo e apre la strada al business dei rifiuti industriali, inserendosi in un più ampio disegno finalizzato all’impianto nel sito industriale di Porto Marghera dell’intera filiera produttiva di stoccaggio, trattamento e smaltimento di rifiuti di vario genere (civili e industriali, speciali, pericolosi e tossico-nocivi) provenienti da tutto il Veneto e oltre.

Alles ha richiesto l’aumento  non solo delle quantità di rifiuti tossico-nocivi da trattare ma anche delle tipologie, includendo anche sostanze non prodotte nella nostra zona industriale. E’ per questo che i  rifiuti tossico-nocivi che Alles vuole far confluire nel nostro territorio avrebbero provenienza non solamente locale ma nazionale ed estera, trasformando sostanzialmente Marghera nella pattumiera d’Italia e forse d’Europa! Tutto ciò è in netto contrasto col buon senso, con la tutela della salute e, infine, con le vigenti norme del Piano Regolatore Generale del Comune di Venezia – Variante per Porto Marghera – e con gli obiettivi di risanamento e riqualificazione industriale definiti dal Piano di Assetto del Territorio (P.A.T.) che è adottato dal Consiglio Comunale di Venezia il 4 febbraio 2012 e con il quale si vieta categoricamente  il trattamento di rifiuti che non siano locali.

Chiediamo perciò  alla Giunta Regionale di:

  • fare proprie le indicazioni e motivazioni espresse dal Comune e dalla Provincia di Venezia che  hanno bocciato in modo chiaro e netto il progetto Alles.
  • fermare ad ogni costo il potenziamento dell’impianto di Alles S.p.A. per il trattamento di rifiuti speciali e pericolosi a Porto Marghera

BASTA RIFIUTI TOSSICI E VELENI A MARGHERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui