Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

La proposta dell’assessore Bettin, intervenuto all’affollata assemblea sul traffico delle crociere organizzata dalla Municipalità diVenezia a San Leonardo

VENEZIA. «Le grandi navi sono incompatibili con la laguna: questa amministrazione lo ha scritto in uno strumento di programmazione vincolante come il Pat. Dunque, lo Stato ci dia subito i poteri per decidere noi sulla laguna, oppure, lo faccia lui applicando quel decreto Clini-Passera che stabilisce l’incompatibilità del transito di navi superiori alle 44 mila tonnellate con la tutela dei siti ambientali di pregio, ora applicato in tutt’Italia tranne che a Venezia».

Lo ha detto l’assessore Gianfranco Bettin intervenendo all’assemblea pubblica sulle grandi navi organizzata dalla Municipalità di Venezia e che ha affollato sala San Leonardo. La proposta della Municipalità è quella di realizzare un terminal a mare per le navi passeggeri.

«Dobbiamo valutare i pro e i contro delle diverse opzioni, come il terminal a mare o lo scalo a Marghera», ha risposto Bettin, «di certo da subito bisogna adottare misure di mitigazione, come proibire l’ingresso in bacino San Marco con acqua superiore ai 110 centimetri o con marea troppo bassa e l’uso di carburante a basso contenuto di zolfo fin dall’ingresso in bocca di porto».

link articolo

 

  1. 1 Comment

    • francesca says:

      Non si risolve molto portando più lontano il punto di attracco. Si risparmierà l’oscuramento del cielo e la vibrazione delle rive ma l’inquinamento dell’aria rimarrà.
      Non barattiamo la nostra salute per un pugno di soldi. Venezia è già allo stremo a causa dell’assalto quotidiano dei turisti. Non concediamo ai posteri di disprezzarci completamente per come l’abbiamo ridotta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui