Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Commercio, categorie favorevoli alla riforma

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

nov

2012

LE AUDIZIONI

VENEZIA – «I rappresentanti dei lavoratori e delle aziende hanno già anticipato un parere positivo, l’importante ora è riuscire ad approvare la riforma entro la fine dell’anno». Luca Baggio (Lega), presidente della commissione Commercio, è deciso ad accelerare i tempi per varare la riforma del commercio. Tanto più che la moratoria per le grandi strutture di vendita vale fino al 31 dicembre o fino alla modifica della legge sul commercio.
Positivi, intanto, i giudizi dati al provvedimento, soprattutto per quanto riguarda gli obiettivi di favorire il commercio, anche di grande distribuzione, all’interno dei centri storici, il recupero del territorio e la riconversione di aree dimesse e degradate. Una logica questa, è stato sottolineato dalla Confcommercio, che fa del commercio uno degli strumenti della programmazione per lo sviluppo equilibrato del territorio. Da parte di Confesercenti è stato sottolineato che la nuova normativa consente anche alle piccole attività di reggere la concorrenza delle grosse strutture, mentre la Federdistribuzione ha chiesto, pur nel rispetto delle norme contrattuali, maggiore libertà per gli operatori della grande distribuzione. In particolare è stata chiesta maggiore liberalizzazione delle vendite promozionali e più libertà, come previsto a livello nazionale, per quanto riguarda le aperture. Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto un maggior coinvolgimento nei tavoli di programmazione e indicazioni più marcate nel testo per quanto riguarda la tutela dei lavoratori.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui