Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Noale-Salzano. Cosmo, arriva il via libera

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

nov

2012

NOALE-SALZANO – Chiesto un consiglio comunale straordinario

È polemica per il sì della commissione regionale all’impianto

Quaresimin: la Via deve considerare le esigenze di tutto il territorio circostante

Il campo di battaglia per una mattina si è spostato a Mestre: sotto la sede di Veneto Strade di via Baseggio. Una quarantina di aderenti ai comitati che si oppongono all’adeguamento dello stabilimento di trattamento rifiuti Cosmo si sono dati appuntamento per l’approvazione del progetto da parte della commissione di Valutazione d’impatto ambientale. Cartelli e slogan, come da copione. Tutto si è svolto in maniera civile. Il bandolo della matassa è sempre quello: il potenziamento dell’impianto di via Mestrina, per cui si sono registrati undici voti favorevoli, un astenuto (la Provincia) e un contrario, il Comune di Salzano. Nel mirino del sindaco Quaresimin finiscono le possibili ripercussioni negative sulla viabilità della zona e la preoccupazione per l’ubicazione della struttura, a ridosso di una popolata area residenziale.

«La valutazione d’impatto ambientale fa riferimento solo al perimetro dell’impianto – spiega il primo cittadino – ma bisogna tenere conto anche dell’area circostante». Preoccupazioni condivise anche dall’assessore alle Manutenzioni del Comune di Noale, Andrea Muffato, che ha preso la stessa posizione dei comitati Ambiente sicuro e Noale ambiente, i quali temono per la propria salute e chiedono al sindaco di Noale Michele Celeghin un consiglio comunale straordinario.

«È stata aggiunta un’ulteriore prescrizione – puntualizza questi, presente alla votazione – Il nostro assenso è arrivato solo dopo aver ottenuto l’obbligo di un monitoraggio costante delle emissioni dei camini da parte della Cosmo». Polemiche si sono sviluppate anche sul fatto che l’azienda possa sfruttare un’area di proprietà comunale, ora concessa in affitto alla ditta fino ad aprile prossimo, per «allargarsi». «Non verrà costruito alcunché lì – spiega Celeghin – la commissione ha dichiarato che la zona in questione non è funzionale allo sviluppo dell’impianto». Ora la palla passa alla Giunta regionale, che entro venti giorni dovrà ratificare o meno il parere espresso ieri dalla commissione Via.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui