Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Cartiera: il Comitato non abbassa la guardia

CASTELFRANCO – (mcer) Non intende abbassare la guardia il comitato “No Ecomostro”, nato alcune settimane fa per contrastare l’insediamento di una cartiera tra via Sile e via Lovara. Nonostante l’asta del Comune per la vendita del terreno in questione sia andata deserta, l’intenzione dell’amministrazione comunale è di rimetterla in vendita ad inizio 2013: per questo il comitato sta prendendo provvedimenti.

Innanzitutto, presenterà in Comune un protocollo di autotutela per chiedere al segretario comunale e al responsabile del servizio patrimonio la «sospensione degli effetti degli atti ed il riesame della fondatezza giuridica dei provvedimenti presi in relazione alla questione». Poi saranno presentate le osservazioni al piano di vendita «per ufficializzare – fanno sapere dal comitato – le incongruenze procedurali e contenutistiche in ambito urbanistico che l’operazione ha palesato». Verranno richiesti poi un incontro col sindaco per capire che cosa intenda fare alla luce delle circa 3mila firme di cittadini contrari raccolte ed un consiglio comunale straordinario per discutere il tema. Sarà infine presentato ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.

 

  1. 2 Comments

    • Enrico says:

      Povera italia….si da contro a quelle poche persone che hanno ancora il coraggio di investire in italia……sono questi poveri comitati anti industria che creano la disoccupazione….

    • redazione says:

      Il punto della questione è un altro. Bisogna incentivare a fare questo tipo di insediamenti nelle numerose aree dismesse del Veneto. Non possiamo continuare a cementificare il territorio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui