Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Elettrodotto, lavori al via il 10 dicembre

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

nov

2012

Cat pronta all’azione: i nostri legali sono pronti a chiedere la sospensione dei lavori

Partiranno il prossimo 10 dicembre i lavori per la realizzazione della nuova linea elettrica Dolo-Camin. Ad annunciarlo è il Cat, l’associazione dei comitati a salvaguardia del territorio, che ha già promesso battaglia.

«Malgrado il Consiglio di Stato non si sia ancora pronunciato sui due appelli presentati da Cat e dai Comuni e al Tar del Lazio sia ancora pendente un altro ricorso di un privato – chiariscono i portavoce del Cat, Adone Doni e Giorgio Martellato – la società elettrica inizierà i lavori della nuova linea elettrica il prossimo 10 dicembre. Con questa decisione Terna dà l’ennesima prova della protervia con cui generalmente agisce, non tenendo nel dovuto rispetto gli organi della giustizia amministrativa che si devono ancora pronunciare sulla fattibilità dell’infrastruttura in modalità aerea. Ma tant’è. Terna continua nella sua azione non tenendo nella minima considerazione le legittime aspettative degli abitanti che si battono per l’interramento della linea, in quanto credono che la vivibilità e la salvaguardia dell’ambiente in cui vivono sia un bene che non ha prezzo». E attaccano: «La società elettrica romana, invece, privilegia sempre il profitto che va ad ingrassare i suoi già pingui azionisti (per il 70% privati) come dimostrano i risultati economici della società stessa: utile lordo del 2011 pari a 1,2 miliardi su un fatturato di 1,63 miliardi con un trend in continua crescita».
Chiarendo un ulteriore dettaglio: «Da notare, infine, che il 35% circa del capitale di Terna è in mano a fondi esteri, per cui quanto Terna incassa dal cittadino italiano tramite le bollette finiranno, sotto forma di lauti dividendi, a soggetti istituzionali esteri che li reinvestiranno altrove».

Cat, inoltre, si scaglia contro la Regione, che si sarebbe costituita in giudizio a fianco del colosso energetico. Cat, comunque, ha già informato i suoi legali di questa decisione:

«Perché venga chiesto agli organi di giustizia amministrativa la sospensione dei lavori».

Gianluigi Dal Corso

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui