Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Tessera. Voli notturni, cresce la protesta

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

23

nov

2012

Tessera: i residenti si lamentano del rumore, sarà installata una centralina

TESSERA. Tornano ad accendersi i riflettori sull’impatto dell’aeroporto Marco Polo sul territorio circostante, specialmente nelle frazioni di Tessera e Campalto, le più esposte al rumore.

Si è riunita martedì la commissione Ambiente Enac presieduta dal direttore Valerio Bonato, della quale fanno parte l’Enav, il Comune, la Municipalità. I cittadini da mesi si battono per segnalare l’aumento del rumore e le ricadute negative per quel che riguarda alcune modifiche delle rotte, temendo che in futuro la situazione possa peggiorare.

Durante l’incontro di ottobre era stato deciso di attivare una sottocommissione specifica che si occupasse dei voli notturni, un gruppo di lavoro composto dalla dottoressa Anna Bressan, dirigente del Comune, dall’ingegnere Davide Bassano (Save) e Davide Sepulcri (Arpav). I residenti da qualche tempo, si lamentano dei voli notturni, seppur limitati, che partono e atterrano nello scalo veneziano, sostenendo che per autorizzarli serve una deroga ministeriale. Come accade in questi casi le interpretazioni della legge sono varie.

«Il problema esiste», spiega l’assessore all’Ambiente, Gianfranco Bettin. «Affianchiamo gli abitanti chiedendo chiarimenti. La questione di fondo è che l’aumento dei vettori low-cost porta a spostare le tratte nelle fasce orarie notturne, aumentando dunque l’impatto. Nonostante la questione non dipenda da noi direttamente, cerchiamo di esserci».

Il comitato poi ha segnalato che le nuove rotte hanno attivato dei sorvoli che disturbano Campalto e Tessera. «L’Enav non la vede allo stesso nostro modo», spiega Deborah Onisto. «Noi sosteniamo che questi sorvoli ci sono dalla primavera, loro che esistono da due anni e che le rotte sono state avallate. Ma ci sarebbero altre possibilità meno disturbanti, che però non vengono messe in atto perché le compagnie puntano a consumare meno carburante e meno carburante significa meno inquinamento. Eppure com’è possibile che fino a pochi mesi fa le isole veneziane non si lamentassero e che oggi Campalto, Tessera e il Lido notano differenza?».

Chiaro invece il Comune di Venezia, in merito alla richiesta dei residenti avallata anche da Enac, di installare una centralina di Save in prossimità delle prime case di Tessera, al confine tra il territorio del Comune e quello della Save. Il comitato ha infine sottolineato un miglioramento in merito alla questione dei sorvoli degli elicotteri che, grazie all’impegno del direttore aeroportuale, sono quasi scomparsi.

Marta Artico

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui