Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VENEZIA «Una brutta bestia». Ieri, in occasione della «II conferenza governativa sull’amianto», tenutasi alla Fondazione Cini di Venezia, il Ministro della Salute Renato Balduzzi ha definito con queste parole l’amianto, annunciando che il piano nazionale sull’amianto partirà a gennaio 2013, con 23 milioni destinati alla prevenzione e al controllo della malattia, alla ricerca sui tumori rari e al progetto amianto per la sorveglianza epidemologica. Entro due settimane dovrebbe invece arrivare una prima bozza alle Regioni che potranno così ragionare sui punti proposti e discuterne in tempi brevi per rispettare l’avvio del percorso. Lo sforzo di sconfiggere la “bestia” non potrà evitare le previsioni funeste di chi è già stato attaccato: dal 2012 al 2025 saranno tra le 800 e le 1000 vittime di amianto. Nei tre giorni di conferenze hanno partecipato anche la Ministra del Lavoro Elsa Fornero e ieri l’assessore alla Sanità Luca Coletto che ha riassunto il lavoro svolto dalla Regione che, dal 1992 al 2011, ha monitorizzato un milione di interventi di bonifica e controllato 20.000 cittadini interessati dalle patologie relative all’asbesto, considerati ora ex esposti. «Il Veneto», ha dichiarato Coletto, «è una delle aree più interessate dal problema amianto, con particolari criticità a Venezia e Padova». Dati in linea con la Cisl Veneto che rileva che, dal 1987 al 2011, ci sono stati 1725 tumori per amianto, 517 a Venezia e 400 a Padova. Dal 2000 al 2011 sono stati effettuati 7500 controlli su lavoratori , trovando 100 casi gravi. I controlli eseguiti corrispondono al 30% della popolazione totale perché sono volontari o frutto di protocolli con patronati dei lavoratori. Il Ministro ha sottolineato l’importanza di una sinergia tra le varie regioni e una sanzione a quelle che «per sciatteria o opportunismo» non contribuiranno a partecipare al processo di liberazione dall’amianto. Balduzzi ha preso visione del docufilm «Fibrakiller» del liceo Bassi di Bologna, che propone un numero verde sulle discariche abusive. Vera Mantengoli

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui