Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Zero Branco. Ok alla Mestrinaro: Zanoni esplode

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

nov

2012

ZERO BRANCO – L’europarlamentare contro la Provincia: «Ha calpestato la legge»

ZERO BRANCO – (nd) «La Provincia di Treviso con una autorizzazione della scorsa settimana consente alla ditta Mestrinaro il trattamento di rifiuti per i quali non esiste un’autorizzazione regionale. Il fatto è di una gravità inaudità»: parole dell’europarlamentare dell’Idv, Andrea Zanoni, che si sta occupando da anni dei problemi ambientali legati all’attività della ditta Mestrinaro con sede nella zona agricola di località Bertoneria a Sant’Alberto di Zero Branco.

«La Provincia – spiega Zanoni in una nota – calpesta la legge e consente quello che il Consiglio di Stato ha dichiarato illegale. La Regione con delibera del 2010, la numero100, aveva approvato il progetto della ditta Mestrinaro per la realizzazione di un nuovo impianto di trattamento per rifiuti speciali».
«La delibera -prosegue l’europarlamentare- è stata successivamente annullata dalla sentenza del Consiglio di Stato del 28 dicembre 2011, la 1082, e in data 28 febbraio 2012 il Comune di Zero Branco ha emesso ordinanza di abbattimento dei capannoni costruiti grazie alla delibera regionale poi annullata dal Consiglio di Stato».

Si torna così a parlare dell’annoso problema dell’attività della Mestrinaro che ha ottenuto il via libera dalla Provincia per il trattamento di circa 5700 tonnellate di rifiuti, costituiti da materiale di risulta delle operazioni di bonifica dei terreni.
Per Zanoni si tratta di «uno scandalo di una gravità inaudita che vede la Provincia, ente che dovrebbe fare gli interessi del cittadini, agire invece in contrasto con le sentenze dei giudici».
L’ennesima battaglia di Zanoni è appena all’inizio.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui