Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Elettrodotto, i comitati disertano il confronto

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

nov

2012

STRA – VIGONOVO Boicottata l’assemblea organizzata per spiegare le modalità di esproprio

Netto flop per l’assemblea organizzata dall’associazione «Stracivica» di Stra, con il patrocinio del comune di Vigonovo, per illustrare agli interessati dalla realizzazione dell’elettrodotto Dolo-Camin le modalità per ottenere le indennità di esproprio. Nonostante il Comune di Vigonovo avesse inviato ai numerosi espropriandi del comune un invito alla partecipazione, la maggioranza ha disertato l’incontro. Come peraltro hanno fatto i comitati contrari alla realizzazione dell’elettrodotto, che si sono guardati bene dal partecipare. La motivazione è chiara. I comitati (Cat in primis) non si voglio arrendere all’idea che la lotta contro la realizzazione dell’elettrodotto sia conclusa e nei prossimi giorni daranno mandato ai loro legali affinché venga chiesto agli organi di giustizia amministrativa la sospensione dei lavori.
Anche se il Consiglio di Stato non si è ancora pronunciato sui due appelli presentati da Cat e dai Comuni, la società elettrica ha dato infatti comunicazione che inizierà i lavori della linea Dolo-Camin il prossimo 10 dicembre. E, mentre comitati e Comuni interessati lottano con ogni mezzo contro l’esecuzione di lavori, Terna snocciola i vantaggi che il progetto da 290 milioni di euro offre. Secondo Terna la linea elettrica sarà un importante passo per il miglioramento dell’esercizio e della sicurezza di tutta la rete veneta. Il nuovo elettrodotto da 280 kV che scorrerà lungo l’idrovia Padova-Venezia smisterà la produzione locale, sfruttando anche porzioni di linee già esistenti oggetto di un piano di riassetto. Così, se Cat e i Comuni contrari alla realizzazione dell’elettrodotto portano in campo la questione ambientale e l’inquinamento elettromagnetico, Terna risponde che con la nuova linea elettrica ci sarà una riduzione di CO2 pari a circa 35mila tonnellate l’anno.

Vittorino Compagno

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui